Quali sono i giorni di maggior affluenza in Costiera Amalfitana? Quale tipologia di veicoli transitano sulla Ss 163 Amalfitana? Quanti pedoni passeggiano per scorci e indirizzi della Divina? L’ordinanza targhe alterne funziona?

Queste e altre le domande all’incipit dell’incontro, tenuto questa mattina, presso la sede della Camera di Commercio di Salerno. Si è discusso, alla presenza di esperti del settore e associazioni del territorio, sui dati del seminario Misurare i flussi turistici: il caso di studio della Costiera Amalfitana.

dati-costiera

Un manipolo di dati per analizzare il fenomeno. Perché senza dati avremmo soltanto delle opinioni. Balza subito all’occhio il giudizio, sentiment, espresso dai turisti che hanno fruito di un servizio in Costiera. Un valore – 88/100 – in media più alto rispetto all’ambito regionale. Si parla un gran bene del personale. Attardato di pochi punti il giudizio complessivo delle camere.

Dati sulle affluenze. L’obiettivo è monitorare i flussi di mobilità veicolari lungo la Costiera. Per l’analisi sono stati utilizzati dei sensori head-counter, che trasformano le immagini in dati aggregati nel pieno rispetto della privacy.

Per capire quanti veicoli transitano in media ogni giorno sulla Divina, i sensori sono stati posti in nove punti strategici. La media giornaliera ad agosto è di 13 mila veicoli da gennaio a ottobre del 2022, con inevitabili picchi nei mesi estivi. Il numero complessivo è stato di quasi mezzo milione di accessi. Vietri sul Mare, punto d’accesso della Divina, è il punto con il maggior numero di passaggi veicolari. Nei comuni centrali della Divina il numero cala fino a 9mila passaggi.

Il periodo di maggior intensità del traffico a Ferragosto, con picchi di 1400 veicoli all’ora intorno alle ore 10. Il numero è calato, ma non così radicalmente, in occasione del Ponte Ognissanti, con picchi di 1200 veicoli.

Da agosto a ottobre il calo è del 45 percento, probabilmente influenza dall’ordinanza targhe alterne – oltre che, banalmente, dal cambio di temperature -.

Per capire in quale direzione si muovano i veicoli sono stati presi in esame i dati elaborati dal sensore di Furore. Si è notato che di mattina i veicoli tendono a dirigersi verso la Costiera e verso il mare, mentre il pomeriggio la direzione di marcia vira verso l’entroterra.

Veicoli. Come immaginabile, il 93 percento dei veicoli comprende le autovetture, 5 punti rappresentano gli scooter e le moto, l’1 percento i bus. Il comune dove vi è il maggior passeggio di pedoni è Minori.

Dall’incontro è emerso anche un quadro sulla provenienza dei turisti. Solo il 25% dei turisti è italiano, mentre il 10% proviene dall’America.

Il seminario si chiude sulla saturazione dell’Ota, il numero di prenotazioni effettuate attraverso agenzie di viaggio online. Circa il 60% dell’offerta è acquisita dai turisti che, rispetto alle camere a disposizione, ne prenotano oltre la metà per tutto l’anno.

Articolo successivo

Rosalinda Cannavò e Pierpaolo Pretelli, che gaffe a Natale e Quale Show