Covid, Turismo e riaperture: in Italia il 2 giugno possibile data

Foto Angelo Anastasio

“Non si può programmare dopo. Ci sono attività che si possono aprire dall’oggi al domani come il barbiere. Altre no, come i grandi alberghi. Bisogna monitorare i dati e sulla base dei dati aprire il prima possibile. Abbiamo bisogno di programmare per essere veloci, altrimenti gli altri ci superano”.

A dichiararlo il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, in un intervento a Omnibus riportato da Rai News. “In Francia si parla del 14 luglio, negli Usa del 4 luglio, il 2 giugno è la nostra festa nazionale e potrebbe essere una data delle riaperture per noi”. E’ comprensibile che ci sia tensione dopo più di un anno di chiusure, è comprensibile. Vanno date risposte vanno date anche risposte economiche, nel breve, ma anche una prospettiva e una programmazione cioè quello si dice ok Appena si può si apre perché bisogna dare la prospettiva a chi se non fattura non ha lo stipendio” ha detto il ministro del Turismo.

“Isole covid-free? Possiamo farlo” “La Grecia ha tante isole e per quello si sta muovendo in quella direzione, noi potremmo farlo. Il punto è creare meccanismi per cui sia semplice circolare. La direzione mi sembra abbastanza chiara” ha risposto Garavaglia, alla domanda su un possibile piano del governo per creare isole covid-free anche in Italia.

Chi è Sangiovanni: età, lavoro, vita privata del cantante del serale di Amici

Tra gli ammessi al serale del programma "Amici" di Maria De Filippi c'è il cantante Sangiovanni , cantautore e rapper di 18 anni. Chi è...

A livello europeo si sta discutendo di questo green pass, di questo lasciapassare, che prevede tre condizioni: vaccino, anticorpi o tampone negativo. Nulla di discriminatorio. Noi il green pass ce lo abbiamo anche qua, è la Sardegna sicura. C’è un tavolo aperto per avere modalità di circolazione sicura nel paese. La direzione mi sembra abbastanza chiara”.