Covid, diminuisce l’indice Rt. In aumento le regioni a rischio moderato

L’Rt, l’indice di trasmissibilità del Coronavirus, è diminuito nuovamente in Italia secondo i calcoli della cabina di regia. Infatti, ora l’Rt è sceso allo 0,97 contro l’1,01 della settimana precedente.

Se durante il periodo che va dal 20 al 26 agosto l’incidenza settimanale a livello nazionale era pari a 77 per 100.000 abitanti, ora, per il periodo che va dal 27 al 2 settembre, tocca i 74 per 100.000 abitanti.

Nonostante una diminuzione, l’incidenza dei casi continua a rimanere sopra la soglia settimanale dei 50 casi ogni 100.000 persone, soglia che potrebbe consentire il controllo della diffusione del virus.

Mega vincita al Superenalotto: sfiorato il jackpot. E’ caccia al fortunato

Una Mega vincita al Superenalotto è stata registrata nelle scorse ore. Il fortunato ha portato a casa una cifra pazzesca.Il giocatore è riuscito a...

Per quanto riguarda le regioni la sola, fin ora, ad essere gialla è la Sicilia. Sull’isola, a partire dal 30 agosto, infatti, vige l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto e quello di limitare a quattro il numero di clienti seduti al bar o al ristorante.

Nonostante questo le regioni e le province autonome a rischio sono aumentate. Secondo i dati della bozza del Monitoraggio settimanale queste sono diventate 17: sette in più rispetto alle 10 della settimana precedente. Tra queste spiccano la Sicilia e ed il Veneto: la prima registra un’ingente crescita dei casi pari a 9.771, mentre nel Veneto si contano circa 4.217 casi. Toscana, Umbria e Valle d’Aosta rimangono invece regioni a basso rischio.

Per quanto riguarda i parametri, la Sicilia registra un 22,5% di pazienti Covid in area medica (indice nettamente superiore alla soglia del 15%), ed un 13,9% di pazienti in terapia intensiva contro il 10% della soglia stabilita. Nonostante questi parametri, come detto in precedenza, l’incidenza settimanale per 100mila abitanti è scesa.

La Sardegna si pone al limite: la percentuale di pazienti Covid in area medica, infatti, è pari al 15%; mentre la percentuale in terapia intensiva è del 13,2%. Come in Sicilia, anche in Sardegna l’incidenza è in discesa.

In Calabria si registra un 16,8% in area medica contro l’8,9% in terapia intensiva.