Risalita dei contagi: la Regione Campania propone Dad per un mese

La Regione Campania sembra essere intenzionata ad intervenire sul comparto delle scuole proponendo al Governo di ripristinare il regime della didattica a distanza dall’8 dicembre, anticipando dunque lo stop previsto per le feste natalizie.

La richiesta, ovviamente, corre di pari passo con l’incremento dei contagi da Covid -19 in tutto il nostro Paese, Campania inclusa.

A riferire della possibilità della Dad per un mese in Campanai è il vice presidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, intervenuto ai microfoni di “Alis Channel”.

“Nell’ultima riunione, noi abbiamo avanzato una proposta cioè quella di avere per la scuola dell’obbligo, dall’8 dicembre, un mese di didattica a distanza visto che ci separano circa 10 giorni dalla pausa natalizia. In realtà sommando il periodo delle vacanze non sarebbe nemmeno un mese – ha riferito Bonavitacola. Questo perché i dati sono molto preoccupanti soprattutto in questa fascia di età”.

Al momento, tuttavia, non sono giunte conferme da parte del Governo né della Regione. Se la proposta sarà accolta e ufficializzata si verificherà il ritorno alla didattica a distanza.

I contagi tra gli under 15 si sono triplicati

Il Presidente della Regione si sofferma sulla situazione degenerante che si sta creando in questo ultimo periodo: i contagi tra gli under 15 stanno aumentando vorticosamente, sono addirittura triplicati.

Come spiega De Luca, infatti, “Gli ultimi dati che abbiamo, per quanto riguarda il contagio, vedono la triplicazione del contagio per la fascia d’età sotto i 15 anni e in modo particolare fra gli 11 e i 13 anni“.

Quindi, per prevenire un’ulteriore ondata pandemica, De Luca sottolinea la necessità di completare l’immunizzazione del personale scolastico, solo in questo modo si eviterebbe un vero e proprio “disastro”.

“I bambini”, prosegue De Luca“sono vettori formidabili di trasmissione del contagio. Nelle scuole il personale sanitario rischia di essere estremamente esposto a forme di nuovo contagio.”

Ricordando che, nei primi mesi di campagna vaccinale, la Campania è stata “la prima regione per livello di vaccinazione tra il personale scolastico”invita dirigenti, docenti e personale scolastico a replicare il primato.