Covid Campania: cala l’indice Rt ma restano critici 19 parametri su 21

Foto Napoli Today

L’ormai noto e sorvegliato indice Rt è in netta discesa anche in Campania: è passato infatti da 1,62 a 1,1.

Come scrive Il Mattino, l’Rt in calo appiattisce un po’ la curva dei nuovi positivi che tuttavia continua a crescere sebbene più lentamente mentre gli altri 19 (su 21) indicatori di intensità, che misurano la febbre del Coronavirus in Campania, restano critici e ancora segnati in rosso nel monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità e del ministero della Salute.

Ad esempio il numero dei nuovi casi per 100 mila abitanti, che definisce l’incidenza epidemica, in Campania resta a tre cifre e passa da un valore di 733 della settimana precedente a 824 a fronte di una media italiana di 732 contagi per 100 mila abitanti.

“Strada statale 163 impercorribile, 8 semafori da Positano a Vietri”, Salvatore Gagliano scrive al...

Salvatore Gagliano storico operatore turistico della Costiera Amalfitana ha inviato una missiva al prefetto di Salerno per lanciare l'allarme rispetto alle condizioni della strada statale...

In crescita nella nostra regione anche i contagi accumulati nell’arco dei sette giorni considerati che infatti passano dai 20.567 raggiunti all’8 novembre ai 22.595 del 15 novembre in linea con un Rt che, come detto, nell’intervallo di tempo considerato, resta ancorato a un valore superiore a 1.

Come riporta sempre il primo quotidiano della Campania, restano stabilmente sopra soglia anche il numero di casi sintomatici notificati per mese. Nel complesso la valutazione della probabilità di progressione esponenziale dei contagi è considerata moderata.

Per quanto riguarda le terapie intensive si sale al 34% (in rispetto al 31% della settimana precedente e molto sopra la soglia limite del 30) mentre l’analogo indicatore dei posti di area medica per pazienti Covid-19 è nella settimana dal 9 al 15 novembre attestata al 47%, superiore al valore soglia del 40% ma in leggero calo rispetto al 56% della settimana precedente.

Aumenta l’età media dei contagiati che vanno in terapia intensiva (età media intorno ai 70 anni) con una quota anche tra 50 e 70 anni. Stabile nel tempo l’età media dei decessi collocata come nel resto d’Italia intorno agli 80 anni.

Per la Campania sarà ora cruciale l’analisi della settimana appena trascorsa.