Costa d’Amalfi: violenti nubifragi nella notte. Allagamenti in molte zone del Salernitano

È stata una notte di violenti nubifragi quella trascorsa in Costiera Amalfitana dove la pioggia battente ha lasciato scampo solo per qualche ora. Le bombe d’acqua con forti temporali si sono abbattute già dal tardo pomeriggio di ieri intensificandosi in serata e nelle prime ore della notte. Allagamenti si sono registrati in diverse zone del salernitano con auto impantanate lungo le strade. In particolare a Salerno, in via Vernieri, esattamente all’altezza del sottopasso ferroviario. In soccorso sono giunte le squadre dei vigili del fuoco. Gran lavoro per tutta la notte presso la sala operativa dei caschi rossi di Salerno dove sono giunte numerose richieste di intervento. Anche la statale Amalfitana si è allagata in più punti a causa degli avvallamenti presenti sul manto d’asfalto ma per fortuna non si registrano particolari criticità nè eventi franosi di grave entità. Ad Amalfi, nella lotte, è caduta una delle luminarie che da fine novembre abbelliscono i vicoli le strade e le piazze. E proprio in una di queste è venuta giù l’illuminazione. Esattamentein piazza dei Dogi. Per fortuna nessun danno. La Protezione civile della Regione Campania nel pomeriggio aveva diramato un’allerta meteo a partire dalle 20 di ieri sera. In particolare, l’avviso criticità era di colore Arancione per le seguenti zone: Piana campana, Napoli, Isole, area vesuviana; Penisola sorrentino-amalfitana, monti di Sarno e monti Picentini; Tusciano e Alto Sele; Piana Sele, Alto e Basso Cilento. Sulle restanti zone, il livello di criticità è contraddistinto dal colore Giallo. Si prevedeva infatti, l’arrivo di una perturbazione che avrebbe dato luogo a precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di moderata o forte intensità. La raccomandazione agli enti competenti era di porre in essere ogni utile iniziativa prevista nei rispettivi Piani di emergenza in ordine ai fenomeni connessi al rischio idrogeologico ed idraulico, come quella realtiva alla vigilanza sul territorio per la verifica del regolare funzionamento del reticolo idrografico e dei sistemi di raccolta e allontanamento delle acque piovane. Nel dispaccio si segnalava, inoltre, l’intensificazione dei venti forti, soprattutto durante i temporali e si raccomandava di vigilare le aree a verde pubblico e le strutture esposte alla sollecitazione dei venti.