Costa d’Amalfi: rinvenuti al largo di Maiori 80 tonnetti rossi pari a 120 kg di novellame

La Guardia Costiera di Salerno prosegue l’incessante attività di pattugliamento della costa mirata al controllo e alla vigilanza della filiera della pesca, per la tutela della salute pubblica e delle risorse ittiche di specie protette.

Nel tardo pomeriggio di oggi, i militari impiegati a bordo della dipendente motovedetta hanno rinvenuto nelle acque antistanti il Comune di Maiori oltre 80 esemplari di tonno rosso, immediatamente sottoposti a sequestro.

La normativa vigente regolamenta in maniera molto rigida la cattura del tonno rosso (thunnus thynnus), vietata in questo periodo dell’anno. Inoltre, gli esemplari sequestrati, aventi una lunghezza massima di 40 cm, sono una specie animale allo stato giovanile protetta.

San Patrizio: Santo del Giorno 17 Marzo. Ecco in quali città si terranno le...

Oggi 17 marzo si celebra San Patrizio. Arrivato in Irlanda, ogni giorno portava al pascolo il bestiame, e pregava spesso nella giornata; fu allora che l’amore e...

La legge impone precise e restrittive norme per la cattura del tonno rosso, i cui quantitativi si sono considerevolmente ridotti portando l’esemplare a rischio di estinzione. E’ infatti vietata la pesca di esemplari inferiori a 30 kg o inferiori a 115 centimetri di lunghezza.

I controlli della Capitaneria di Porto di Salerno, effettuati sia con mezzi navali che terrestri della Guardia Costiera, continueranno senza sosta, al fine di tutelare le risorse ittiche di specie protette oggetto di pesca indiscriminata e per garantire la salvaguardia dei consumatori.