Coronavirus Campania: l’accorato appello di Vincenzo De Luca ai cittadini / Video

foto Massimo Pica

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, è intervenuto in diretta sulla pagina Facebook della Regione Campania per un appello rivolto a tutti i cittadini Campani in merito al Covid-19.

«E’ arrivato il momento di dire che siamo di fronte ad un problema serio che richiede comportanti responsabili da parte di tutti e un cambiamento radicale delle abitudini di vita. Senza l’aiuto e la collaborazione di ogni cittadino diventerà molto più difficile contrastare la diffusione del virus – inizia il presidente De Luca».

«Dobbiamo evitare al massimo i contatti sociali, rimanere di più a casa – continua il Governatore-. La spesa al supermercato la deve fare una peronsa per famiglia; molti concittadini non hanno capito che bisogna evitare luoghi con assembramenti di persone. Ieri ho firmato una ordinanza relativa alle chiusure dei luoghi di svago e ai comportamenti da adottare per bar, ristoranti etc. Ebbene di sera bar e pub accolgono decine o centinaia di ragazzi senza rispettare la distanza di 1 metro».

Costiera Amalfitana: sequestrato ponte installato senza autorizzazione a Erchie

I Carabinieri della Compagnia di Amalfi e la Polizia Locale di Maiori, nell’ambito di mirati controlli volti a contrastare il fenomeno dell’abusivismo edilizio nella...

«Queste situazioni non sono più tollerabili – continua De Luca. Ci sono singoli cittadini completamente disinvolti. Un cittadino, ad emsempio, ha parteciato il 21 febbraio ad una festa con 200 persone al Teatro Posillipo, il 22 febbraio è stato al risotante, il 26 febbraio in pizzeria, il 29 febbraio ha iniziato a sentirsi male e attualmente è in terapia intensiva al “Cotugno”, intubato».

«La situazione è seria: abbiamo il dovere di evitare la diffusione del contagio con atti responsabili o la sitauzione diventerà pesante. Dobbiamo darci una mano per affrontare un problema grave».

L’ORDINANZA FIRMATA DA DE LUCA

Il provvedimento prevede la sospensione dell’attività, oltre che per le discoteche, anche per “ogni altro luogo di svago o divertimento la cui frequentazione, per le modalità di ritrovo, comporti assembramento degli utenti e comunque non consenta che il servizio sia espletato per i soli posti a sedere e con il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro” così come previsto dal Decreto del Governo datato 4 marzo 2020. Le attività commerciali e i locali possono rimanere aperti solo se sono in grado di rispettare il metro di distanza tra i clienti.

La Polizia Municipale, come previsto dalla medesima ordinanza,  svolgerà una “specifica attività di controllo per l’osservanza ed il rispetto scrupolosi di quanto predisposto a tutela della salute pubblica e per gli interventi conseguenziali in caso di violazioni”. Analoga comunicazione è stata inviata anche a Prefetto e Questore affinché predispongano analoghi ed adeguati servizi