Conca dei Marini: strada chiusa, presto un’ispezione della roccia

Un’ispezione del fronte di roccia interessato dall’incendio e che dal 22 settembre scorso tiene chiuso la statale amalfitana. L’intervento dei rocciatori è stato deciso nel corso di un incontro la Prefettura di Salerno a cui hanno partecipato Genio Civile di Salerno, Vigili del Fuoco, Comuni di Conca dei Marini, Positano, Praiano, Furore, Cetara e Amalfi e Anas. Tutti gli enti, insomma, interessati dalla chiusura del tratto della statale 163 “Amalfitana” nel territorio comunale di Conca dei Marini, resasi necessaria a causa di dell’incendio boschivo (occorso in corrispondenza del km 24,500) che ha causato, tra le altre cose, la caduta di materiale sul piano viabile della statale. In base a quanto definito, secondo le competenze di ciascun ente, il Comune di Conca dei Marini darà incarico ad una squadra di rocciatori di eseguire ispezioni sul versante roccioso interessato dall’incendio la scorsa settimana, al fine di verificare le condizioni di sicurezza sullo stato dei luoghi. Il Comune di Furore collaborerà a tali attività e Anas continuerà a fornirà il massimo supporto affinché i tecnici specializzati possano eseguire le operazioni di verifica ed ispezione nel tratto di strada attualmente interdetto alla circolazione. Al termine di tale ispezione, i rappresentanti degli enti Interessati, ovvero del Comune di Conca dei Marini e del Genio Civile, eseguiranno un sopralluogo congiunto, sulla scorta degli elementi forniti dai rocciatori e dai dati tecnici che essi acquisiranno, finalizzato a valutare le condizioni per la riapertura del tratto di strada statale.