Il Comune di Ravello organizza un corso di inglese gratuito

La Costiera Amalfitana è terra di turismo internazionale. Ogni anno visitatori provenienti da tutto il mondo invadono pacificamente la Divina. Tantissime le strutture turistiche e ricettive pronte ad ospitare i turisti. Ovviamente per fornire un buon servizio è necessario conoscere le lingue straniere per poter comunicare. In tal senso il comune di Ravello ha organizzato un corso d’inglese, la lingua internazionale per eccellenza.

Il corso è rivolto agli operatori del settore turistico. Il corso si terrà presso la sala stampa dell’auditorium Oscar Neimeyer a Ravello a partire dal 22 febbraio fino al 9 marzo. Per poter partecipare è necessario iscriversi, in maniera del tutto gratuita, e superare il test di accesso previsto per il prossimo 11 febbraio.

L’importante iniziativa organizzata dal comune di Ravello sarà disponibile per 40 persone. Sarà, infatti, questo il numero massimo di candidature prese in considerazione. Le domande dovranno essere presentate presso l’ufficio protocollo del comune della Città della Musica.

Chi è Beatrice Bocci moglie Alessandro Greco. Lavoro, età, figli e vita privata

Beatrice Bocci è una delle presentatrici più conosciute e apprezzate del panorama televisivo italiano.Grazie alla sua bellezza e al suo talento ha conquistato l'ammirazione di...

Un’iniziativa che segue di pochi giorni quella intrapresa dal comune di Amalfi. Il comune dei paese capofila della Divina, infatti, ha organizzato un corso intensivo di giapponese, per l’accoglienza dei tantissimi turisti provenienti dal Sol Levante.

A partire dal 16 febbraio fino al prossimo 30 marzo, ad Amalfi, in un’ottica di consolidamento di quei rapporti tra la repubblica marinara e i paesi del Sol Levante si svolgerà il corso di giapponese.

In particolare il Giappone con cui Amalfi intrattiene da tempo interessanti scambi culturali che hanno portato non solo alla produzione di studi come quelli sul tessuto urbano ma anche alla realizzazione di eventi di pregevole valore quali la mostra delle lanterne di Mino.

Due civiltà, due popoli lontanissimi geograficamente ma accostati dal voler salvaguardare e proteggere le proprie radici, le proprie unicità. E furono quelli del dicembre 2013 tre giorni all’insegna della cultura, delle tradizioni ed anche dell’amicizia culminata con la bellissima mostra delle Lanterne in carta a mano di Mino allestita presso l’Arsenale.