Rete Ferroviaria Italiana, realtà del gruppo FS Italiane, ha pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il bando che condurrà alla progettazione ed alla realizzazione del progetto di “Completamento della metropolitana di Salerno: tratta Arechi – Pontecagnano Aeroporto Costa d’Amalfi”.

La gara ha un valore molto significativo, pari ad oltre 185 milioni di euro: di questi ben 70 milioni sono finanziati con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

L’intervento consisterà nel completamento della metropolitana di Salerno che attualmente è già in esercizio dalla Stazione Centrale del capoluogo fino allo Stadio Arechi, con un tratto di ulteriori 9 km di linea elettrificata.

Questo tracciato si affiancherà alla storica linea Salerno – Battipaglia: sarà prevista, per l’occasione, l’attivazione al pubblico servizio di quattro nuove fermate.

Il progetto, nello specifico, consentirà di potenziare da un lato, i collegamenti con l’ospedale e l’università, dall’altro, anche di migliorare l’accessibilità all’aeroporto di Salerno – Costa d’Amalfi.

Obiettivo finale è quello della creazione di un’offerta integrata ferro-aria tra lo scalo aeroportuale ed i poli urbani di Salerno e Pontecagnano .

Lo scopo finale è quello di contribuire, inoltre, allo sviluppo della mobilità sostenibile e al decongestionamento dell’area urbana di Salerno dal traffico veicolare.

Fiori all’occhiello del futuro potenziamento del metrò saranno anche la nuova fermata ASI, finanziata anch’essa nell’ambito del PNRR di cui si prevede entro il 2026 l’integrazione sul nuovo tracciato, e la nuova stazione “Aeroporto” a servizio della linea storica Salerno-Battipaglia.

Queste estenderanno l’accessibilità all’infrastruttura ferroviaria anche all’area industriale ed ai comuni dell’hinterland meridionale, favorendo lo split modale verso i servizi su ferro.

La pubblicazione del bando per la realizzazione del prolungamento della metropolitana di Salerno dalla fermata “Arechi” alla stazione “Pontecagnano Aeroporto” è frutto di una sinergia instaurata tra RFI, Regione Campania e le amministrazioni comunali.

Questa porterà alla realizzazione, entro il 2026, di un’opera di importanza strategica quale quella del potenziamento dello scalo aeroportuale di Salerno – Costa d’Amalfi.

Articolo successivo

Chi è Jackie Elliot il padre di Billy: storia vera