Commemorazione dei defunti: ecco perchè il 2 Novembre. Storia e tradizione

Oggi 2 Novembre è il giorno della Commemorazione dei defunti, comunemente detta “giorno dei morti“.

Una ricorrenza che viene celebrata ogni anno e che prevede diverse funzioni in tutte le città d’Italia e non solo.

Commemorazione dei defunti: ecco perchè il 2 Novembre. Storia e tradizione

La commemorazione dei defunti appare già nel secolo IX, in continuità con l’uso monastico del secolo VII di consacrare un giorno completo alla preghiera per tutti i defunti.

Ravello: il 24 settembre il convegno “L’arte dell’incisione a cammeo su corallo, conchiglie e...

Giovedì 24 settembre, per iniziativa del Centro e del Comune di Ravello, in collaborazione con ICOMOS Italia; Comitato Promotore candidatura UNESCO “L’incisione a cammeo...

È solo con l’abate benedettino sant’Odilone di Cluny che questa data del 2 novembre fu dedicata alla commemorazione di tutti i fedeli defunti, per i quali già sant’Agostino lodava la consuetudine di pregare anche al di fuori dei loro anniversari.

La Chiesa è stata sempre particolarmente fedele al ricordo dei defunti. La speranza cristiana trova fondamento nella Bibbia.

Non è dunque la dissoluzione nella polvere il destino finale dell’uomo, bensì, attraversata la tenebra della morte, la visione di Dio.

Per questo i fedeli pregano per i loro cari defunti e confidano nella loro intercessione. Nutrono infine la speranza di raggiungerli in cielo per unirsi gli eletti nella lode della gloria di Dio.