Choc all’ospedale di Nocera: morta bimba di 8 mesi. Indaga la Polizia / Aggiornamenti

Choc all’ospedale di Nocera Inferiore dove questa notte è morta una bimba di 8 mesi. Lo riferisce il quotidiano Il Mattino secondo cui sull’accaduto starebbero indagando gli agenti del commissariato della Polizia di Stato di Nocera Inferiore

La bambina, a quanto pare ricoverata ieri sera dal 118, sarebbe deceduta per cause ancora in via di accertamento.

La piccola, che sarebbe originaria di Sant’Egidio del Monte Albino, secondo quanto riferisce Il Mattino pare avesse dei lividi sul corpicino.

Oroscopo Paolo Fox di oggi Lunedì 21 settembre: segno per segno

Siamo entrati nel mese di settembre e, anche per questo mese, non ci resta che scoprire cosa ci riserveranno gli astri leggendo l’Oroscopo Paolo Fox...

Da stamattina, gli agenti del commissariato di Nocera Inferiore, che stanno indagando su questo triste episodio, starebbero ascoltando i genitori della piccola scomparsa questa notte dopo il ricovero all’Umberto I.

Sulla triste vicenda, dai contorni ancora a tinte fosche, che ha sconvolto il piccolo centro dell’Agro alle porte peraltro della Costiera Amalfitana è intervenuto intorno alle 14 di oggi attraverso il proprio profilo facebook il sindaco di Sant’Egidio del Monte Albino, Nunzio Carpentieri.

“Oggi è un giorno davvero triste per la nostra comunità – ha scritto il primo cittadino – Dunque lasciatemi anzitutto e doverosamente esprimere il mio profondo cordoglio per la morte di questa povera bambina. È il cordoglio dell’intera città di Sant’Egidio, profondamente scossa e addolorata da questa drammatica notizia”.

“La famiglia protagonista di questa triste vicenda non è originaria di Sant’Egidio ma vive nella mia città da circa un anno e mezzo – spiega Carpentieri – Io stesso ho unito in matrimonio civile questa giovane coppia. Si tratta di una famiglia in oggettive condizioni di fragilità. Una situazione della quale immediatamente i nostri servizi sociali si erano fatti carico, attivando da un lato le procedure per consentire l’accesso a dei piccoli contributi per sostenere economicamente il nucleo familiare, dall’altro segnalando all’autorità competente questa particolare situazione”.

“Mai però, né al Comune né ai Carabinieri, che pure li hanno sentiti, la mamma della bimba o i suoi familiari avevano denunciato o confermato episodi di violenza che avrebbero potuto lasciar presagire qualcosa di così drammatico – aggiunge il sindaco di sant’Egidio – In ogni caso, i servizi sociali stavano continuando a monitorare la situazione. Le segnalazioni messe nero su bianco dal nostro ufficio avevano riguardato anche l’allontanamento del padre della bimba da una comunità di recupero che stava frequentando, a seguito della quale si stavano valutando anche altre soluzioni di carattere più definitivo da adottare per salvaguardare il benessere dei bambini”.

“Purtroppo la situazione è improvvisamente precipitata – conclude Carpentieri – Nelle prossime ore, parallelamente all’autorità giudiziaria, faremo tutto quanto in nostro potere per ricostruire l’accaduto”.