Chi è Beppe Fiorello: età, moglie, figli, fratello, carriera e vita privata

Beppe Fiorello è uno degli attori più conosciuti e apprezzati del panorama televisivo e cinematografico italiano.

Grazie al suo immenso talento ha conquistato l’ammirazione di migliaia di persone che lo seguono da anni con grande affetto.

Chi è Beppe Fiorello: età, moglie, figli, fratello, carriera e vita privata

Beppe Fiorello è nato a Catania il 12 marzo del 1969. Fratello del grande Rosario Fiorello showman tra i più amati del nostro paese.

Chi è Rossella Brescia: età, marito, figli, vita privata, carriera e curiosità

Rossella Brescia è una delle ballerine più conosciute e apprezzate del panorama televisivo italiano. Grazie alla sua bellezze e al suo infinito talento ha conquistato...

All’inizio della sua carriera lavora a fianco del fratello come tecnico al villaggio turistico della Valtur a Brucoli. Da lì nel 1994 passa a Radio Deejay con il nome d’arte “Fiorellino”, lavorando al fianco di Marco Baldini, Luca Laurenti e Amadeus.

Nello stesso anno debutta in televisione nel programma di Mediaset, condotto in precedenza dal fratello, Karaoke, lavorando insieme ad Antonella Elia.

Prova poi con la carriera musicale con il gruppo pop italiano Patti chiari – con alcune apparizioni in programmi televisivi quali Domenica In e Festivalbar ’97.

In una libreria di Riccione fa la conoscenza di Niccolò Ammaniti, che gli propone di andare a Roma a fare un provino per un film di Marco Risi scritto da lui.

L’esordio come attore

L’esordio arriva nel 1998 quando partecipa a L’ultimo capodanno, film di Marco Risi. Da qui prende il via una carriera ricca di soddisfazioni che l’hanno visto come protagonista di importanti film.

Fa il suo esordio poi anche in televisione con Ultimo, diretto da Stefano Reali e trasmesso da Canale 5, con Raoul Bova interpretando l’appuntato Nocelli Domenico, detto “Parsifal”.

Torna al cinema nel 2000 come co-protagonista insieme a Carlo Verdone in C’era un cinese in coma. Torna a lavorare poi con Marco Risi in Tre mogli.

Nel 2001 e nel 2002 partecipa a due serate di Stasera pago io, show di grande successo del fratello Rosario.

Successivamente lavora in varie miniserie televisive trasmesse dalla Rai: La guerra è finita nel 2002, Salvo D’Acquisto nel 2003, L’uomo sbagliato, Il grande Torino, Il cuore nel pozzo, Il bambino sull’acqua, tutte del 2005, e Joe Petrosino l’anno seguente. Nello stesso anno partecipa al primo episodio della fiction Rai Crimini.

Nel 2007 è protagonista di Giuseppe Moscati a cui fanno sèguito il film tv La vita rubata e la miniserie Il bambino della domenica, entrambi in onda nel 2008.

Ritorna sul grande schermo con il film Appuntamento a ora insolita con Ricky Tognazzi e Giulio Scarpati, cui fanno sèguito I galantuomini, e Baarìa, regia di Giuseppe Tornatore, entrambi del 2008.

Nel 2010 è nuovamente su Rai Uno con varie fiction: Lo scandalo della Banca Romana, Il sorteggio e La leggenda del bandito e del campione, in cui interpreta il ruolo di Sante Pollastri.

Per i 150 anni dell’Unita d’Italia insieme al fratello Rosario produce un cortometraggio dal titolo Domani in cui recitano anche i suoi figli Anita e Nicola. È il primo prodotto della R.O.S.A., casa di produzione di Rosario Fiorello, e della Iblafilm di Beppe.

Nel 2012 torna al cinema con Magnifica presenza di Ferzan Özpetek, film che ha ottenuto otto candidature ai David di Donatello 2012 e nove ai Nastri d’argento 2012.

Da Volare a Gli orologi del diavolo

Interpreta Domenico Modugno della miniserie Volare – La grande storia di Domenico Modugno e il 13 febbraio 2013 partecipa come ospite alla seconda serata del Festival di Sanremo, condotto da Fabio Fazio. Per l’occasione canta le canzoni appunto di Modugno Vecchio frack, Cosa sono le nuvole e Tu sì ‘na cosa grande.

Il 28 agosto dello stesso anno riceve dal sindaco di Polignano a Mare, durante una cerimonia pubblica, la cittadinanza onoraria come riconoscenza per l’interpretazione di Modugno.

Torna poi al cinema con il lungometraggio Se chiudo gli occhi non sono più qui per la regia di Vittorio Moroni, e su Rai 1 nel febbraio 2014 con il film di Marco Pontecorvo L’oro di Scampia.

La successiva miniserie che va in onda su Rai 1 il 15 e 16 febbraio 2016 è Io non mi arrendo, nella quale interpreta l’immaginario ispettore Marco Giordano, ispirato a Roberto Mancini, il poliziotto-eroe della Terra dei fuochi morto di cancro.

Il 23 maggio, a 24 anni dalla Strage di Capaci, torna al cinema con Era d’estate interpretando Paolo Borsellino mentre Massimo Popolizio è Giovanni Falcone nei giorni della permanenza all’Asinara.

Nel febbraio 2017 è su Rai 1 con I fantasmi di Portopalo, miniserie ancora prodotta da lui che racconta la vicenda del naufragio della F174 avvenuto al largo di Portopalo nel 1996.

La sera del 5 aprile 2018 su Rai 1 viene lanciato Mio fratello, videoclip della canzone di Biagio Antonacci e Mario Incudine per la regia di Gabriele Muccino con la partecipazione dei fratelli Fiorello.

Il 15 febbraio 2020 a Una storia da cantare su Rai 1 recita un monologo su Meraviglioso di Modugno e Signor tenente di Giorgio Faletti.

Il 9 novembre torna in tv con Gli orologi del diavolo, miniserie in quattro puntate in cui interpreta Gianfranco Franciosi, un meccanico navale infiltrato nei narcos.

Vita privata di Beppe Fiorello

E’ sposato dal 2010 con Eleonora, una stylist che ha anche curato il suo look durante le sue esperienze televisive e cinematografiche, dal loro amore sono nati Anita nel 2003 e Nicola nel 2005.