Cetara: venerdì l’inaugurazione della mostra “Continuum…” di Ugo Marano

Sarà inaugurata venerdì 11 gennaio alle 18.30 alla Torre Vicereale di Cetara l’esposizione ceramica “Continuum…” di Ugo Marano che rientra nella nuova stagione di eventi culturali del borgo costiero.

 La mostra permanente prosegue nell’ambito del progetto “Museo Vivo”, immaginato da Marano nel 1971, quando fece decorare una serie di grandi piatti ad Amerigo Tot, Giulio Carlo Argan, Filiberto Menna e Karlheinz Stockhausen, dando inizio al suo percorso utopico, che venne inaugurato nel 2012, ad un anno dalla sua prematura scomparsa.

Organizzata con il grande supporto della moglie Stefania Mazzola, grazie all’impegno dell’amministrazione comunale, la mostra propone opere inedite (1992-2002), per la prima volta esposte, dove la ceramica rappresenta un sospiro dell’anima, diventando sempre più “arte regina”.

Million Day estrazione di oggi 13 Gennaio, i numeri vincenti

Nel 2019 vincere un milione di euro non è mai stato così facile con Million Day, il nuovo gioco di Lottomatica che permette di vincere...

Attraverso i suoi lavori, Marano incoraggia tutti coloro che “amano avere le mani in pasta ad osare, creando grandi opere, affinché la creta, che nasce con l’uomo sulla terra, sia mantenuta viva,  pronta a nuove ed impensate avventure. Al taglio del nastro, interverrà il sindaco di Cetara Fortunato Della Monica.

«Bisogna osare, i giovani non devono avere paura. Il futuro è di coloro che sapranno fare con le proprie mani. Le ceramiche di Ugo raccontano proprio questo – afferma Angela Speranza, Assessore alla Cultura e al Turismo- . La sua arte sottolinea quanto i suoi oggetti siano veicoli narrativi, capaci di restituire le complessità dei valori politico-sociali ed etici».

Un percorso fatto di frammenti esistenziali e di storie vissute che, come piccole tessere di un mosaico, si legano e si assommano, dando vita ad un linguaggio originale; un connubio perfetto tra arte, architettura e design. In esposizione, 3 vasi dei 50 appartenenti alla collezione della ”Città dell’Eros”, 7 piatti in ceramica (70 cm) e 3 grandi piastre. Del progetto “Museo Vivo”, inoltre, sono stati mantenuti i piatti di Giulio Carlo Argan e del musicista Stokhausen.

Durante la serata, sarà proiettato un video-racconto di immagini e filmati, in ricordo dell’artista Marano, a cura della Cactus Film Production di Licio Esposito e Paola Vacca. La mostra resterà aperta al pubblico ogni venerdì, sabato e domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Ingresso libero.