Cetara: recuperato il corpo senza vita del sub incastrato negli scogli / Foto

E’ stato recuperato poco dopo le 20 di questa sera il corpo senza vita del sub rimasto incastrato nella scogliera frangiflutti del porto di Cetara mentre era intento a una battuta di pesca subacquea in apnea

L’uomo, originario di Salerno, pare fosse un sub esperto dicono a Cetara dove qualcuno lo avrebbe spesso incrociato in passato. Purtroppo per lui il destino gli è stato fatale e sarebbe rimasto incastrato negli scogli già dal primo pomeriggio.

Al Monastero Santa Rosa il Condé Nast Traveler Readers’ Choice Awards 2019

Il Monastero Santa Rosa Hotel&Spa è nella lista dei Condé Nast Traveler Readers’ Choice Awards 2019, il premio basato sulle scelte dei lettori più...

A confermarlo sarebbero le immagini della videosorveglianza che ora sono al vaglio degli uomini della Capitaneria di Porto di Salerno la cui centrale operativa dal pomeriggio di ieri ha condotto i soccorsi.

Sul posto dopo l’allarme scattato dopo le 17.30, sono giunte tre unità navali: due motovedette e un gommone che ha pattugliato la zona dove si trovava il cadavere dello sfortunato sub originario di Salerno. Fin quando non si è provveduto al recupero effettuato poco dopo le 20 dai sub della Guardia Costiera giunti da Napoli.

Infatti, è stato necessario l’intervento di specialisti del corpo per poter provvedere a disincagliare il corpo ormai privo di vita dell’uomo, a quanto pare funzionario di banca, rimasto vittima durante la battuta di pesca.

E stando a quanto si è appreso, attaccato alla fiocina del fucile, c’era anche un pesce di notevoli dimensioni. Annegamento sarebbe per ora il verdetto anche se il corpo è stato sottoposto in serata a esame medico legale dopo essere stato trasferito presso il porto di Salerno.

Il Comunicato della Guardia Costiera

IMMERSIONE IN COSTIERA AMALFITANA – MORTO UN SUB DI 61 ANNI. 

Nel tardo pomeriggio di ieri la Capitaneria di Porto di Salerno è stata impegnata in un’articolata attività di recupero della salma di un sub dalla scogliera di sopraflutto del Porto di Cetara (SA).

In zona sono intervenuti via mare la motovedetta CP 854 ed il battello pneumatico veloce G.C. A81  che, sotto il coordinamento della Sala Operativa, si sono subito adoperati per l’individuazione del sub, mentre a terra nel Porto di Cetara operava personale del dipendente Ufficio Locale Marittimo. Per il recupero della salma, è stato impiegato anche il 2° Nucleo Subacquei della Guardia Costiera di Napoli. Il corpo senza vita del Sig. B.M. di 61 anni è stato portato a bordo della motovedetta CP 854 ove il personale del 118 ne ha constatato il decesso; successivamente, la salma è stata sbarcata al Molo Manfredi del Porto di Salerno, e  previo nulla osta del Magistrato è stata consegnata ai familiari.