Cava de’ Tirreni Antica, Vecchi Racconti: la Storia di Chicco ‘e Grano

Corso Principe Amedeo a Cava de' Tirreni nel 1935 - Foto by Cava Antica Facebook

Il patrimonio di vecchie favole di Cava de’ Tirreni, racconti e leggende locali, destinati all’ascolto da parte dei più piccoli, è più vasto di quanto si pensi.

Nel passato era molto diffuso leggere una favoletta ai bimbi prima di andare a dormire con una piccola lezione sul finale.

Leggere favole ai bimbi è molto importante sia perché rafforza il rapporto tra genitori e figli e sia perché accresce il bagaglio culturale dei bambini, lasciando un insegnamento importante.

Uomini e Donne: Teresa ha scelto Andrea Dal Corso ma il corteggiatore ha detto...

Cresce l'attesa per la scelta di Teresa Langella che sarà trasmessa in prima serata venerdì 15 febbraio su Canale 5. Al momento c’è non sono state rese note...

Qui vi proponiamo una favoletta, un racconto breve, lineare, che ha anche un piccolo insegnamento sul finale.

Si tratta della storia di Chicco ‘e Grano, ed è rigorosamente raccontata in dialetto di Cava de’ Tirreni.

Buona lettura…

Vecchie Favole di Cava de’ Tirreni: Chicco ‘e Grano 

Nce steva ‘na vota ‘na femmena ca puverella nun puteva avè figlie. 

‘O marito pe’ ‘stu fatto steva assaie scuntento.Nu juorno essa jett’ a pregà ‘a Maronna e lle dicette:

—Maronna te voglio bbene…famm’ avè nu figlio pure ca fosse pezzerillo, bruttariello, sturtariello…

‘A Maronna mossa a cumpassione, ‘a pigliaie ncopp’ au fatto e lle facett’ ‘a ‘razia…

Doppo nove mise, nascette nu criature peccerillo, curiusillo, tanto ca ‘u mettettero ‘e nomme “Chicco ‘e grano”.

‘Na matina ‘o patre se ne jette a faticà senza marenna: Quann’ ‘a mugliera se ne accurgette era troppo tardi e allora nun sapenno comm’ aveva fà, pensaie ‘e mannà ‘u figlio a purtà ‘a marenna au patre.

Pigliaie ‘u cavallo e dint’ a ‘na recchia nce mettette a Chicco ‘e grano e dint’ all’ autra nu munticiello ‘e prete.

Me raccumanno — dicette ‘a mamma — si vide ‘mbruoglie, miettete a vuttà prete.

Nunce pensà, mamma, ca tu ‘o ssaie, songhe peccerillo e peso !

Cammina cammina, ‘u cavallo e Chicco ‘e grano arrivaiene ‘nnanz’ a nu canciello…

Avette voglia r’ alluccà ‘o guaglione ‘nfacci’ a certi guagliuncielli ca giucavano ‘a l’ autre lato, nun vulevano araprire, anze, sfruculiavano pure dicenno — e chi addà passà ‘o rre ! Scansateve ca è propeto gruosso !

Chicco ‘e grano a chisto punto nun ne putette cchiù…

Zumpaie a l’ autre lato ru cavallo e accuminciaie a menà prete.

‘E guagliune tanta ra paura, currettene e arapretteno ‘o canciello.

Accussì Chicc’ ‘e grano tutto cuntento passaie e putette arrivà addò steva ‘o patre e le cunsignaie ‘a marenna.

Mentre ‘o patre mangiava, Chicco ‘e grano s’ arrupusave sotto a ‘na pampena ‘e cucozza.

Chicco ‘e Grano è in pericolo

A chisto punto che puozze fà ‘o cavallo ? …Videnn’ ‘e mangià accuminciaie a mangià pur’ isso.

Mangia mangia, se scennette ‘ncuorpo ‘a pampena ‘e cucozza cu tutto Chicc’ ‘e grano.

‘O patre currette ma arrivaie tarde.

—Chicco ‘e grano, Chicco ‘e grano me siente ?

—Aiutateme papà, aiutateme ca songhe quase muorte !

‘O patre afferraie nu curtullaccio…

Che m’ accide affà — dicette ‘o cavallo — Figliete è brutto, piccirillo…serve a niente…

Ie fatico, te faccio campà… te port’ au mercato…tir’ ‘a carretta…comme faraie senza me?

‘ 0 patre senza manco nce pensà le squartaie ‘a panza…

Chicco ‘e grano ascett’ ‘a fora…

S’ abbracciareno e turnareno tutte cuntent’ ‘a casa.

Morale: ogne scarafone è bello a mamma soia!

(Tratto da “Mmèsca Cavajola”, a cura di Carmine Santoriello, biblioteca digitale cavastorie.eu)