Cava de’ Tirreni: Scoperto al Comune uno Antico Stemma Nobiliare

Lo stemma ritrovato al Comune di Cava de' Tirreni - Foto by Fernando Bottiglia

A Cava de’ Tirreni, precisamente presso la sede dell’amministrazione comunale, è stato rinvenuto un antico stemma in gesso.

Il ritrovamento è avvenuto lo scorso Lunedì 10 Settembre, come si legge da una nota pubblicata sui social dal giornalista cavese Livio Trapanese.

Lo Stemma rinvenuto a Cava de’ Tirreni: il fatto

Lo stemma è stato trovato nella mattinata di Lunedì scorso, per puro caso, in un locale adiacente il salone d’onore, adibito a deposito.

A Cetara il Tour “Sunnamisuna”, il festival a sostegno dei bambini prematuri

Dopo il primo incontro del 17 luglio all’Arena del Mare di Salerno stasera, giovedì 22 Agosto, a partire dalle ore 20, in Piazza San...

Lo stemma è stato individuato dalla dott.ssa Liliana Noviello, dell’ufficio segreteria del Sindaco.

Esso è così composto: due leoni rampanti, all’angolo destro in alto e sinistro in basso, due gigli angioini su una fascia trasversale e, alla base, la data 1830.

Il simbolo ritrovato misura in altezza cm 80 e in larghezza cm 55.

Dal Comune di Cava de’ Tirreni è stato immediatamente contatto il massimo storico metelliano, Prof. Salvatore Milano, per capirne la provenienza e la famiglia di appartenenza.

Secondo il professore, si tratta di uno stemma appartenente alla stirpe dei Della Monica, in particolare alla famiglia dell’Architetto Vincenzo Della Monica, coniugato con la nobil donna, Antonella Grimaldi, appartenente alla nota famiglia napoletana.

Infatti lo stesso prof. Milano ha aggiunto anche che nella chiesa cavese di San Pietro a Siepi, si possono vedere altri tre stemmi simili a questo.

Un altra effige simile la si trova stampata a pagina 50 del volume da lui scritto per la secolare Chiesa, poi Santuario, di San Francesco e Sant’Antonio.

Al tempo, l’architetto Della Monica era molto attento ai bisognosi e le fanciulle residenti nelle Frazioni di San Pietro e della Santissima Annunziata.

Infatti quando esse andavano in sposa, ricevevano una congrua dote.

Questa era una pratica diffusa fino ai primi del ‘900.

Un reperto, questo ritrovato al Comune di Cava de’ Tirreni, che conta ben 188 anni.

Adesso di certo gli verrà trovata giusta collocazione.