Cava de’ Tirreni: ritrovata vecchia medaglietta militare. Si ricerca la famiglia del soldato

Foto da Facebook

Ritrovamento molto particolare a Cava de’ Tirreni, in località Vetranto. Qui un uomo ha trovato una vecchia piastrina che usano indossare i militari ed ora si cerca di capire a chi è appartenuta per restituirla alla famiglia.

La foto della medaglietta ritrovata è stata tempestivamente condivisa sui social network dalla figlia del signore che l’ha trovata per facilitare la ricerca della famiglia d’origine del militare.

La piastrina identificativa è una piastrina metallica sulla quale vengono incisi i dati della persona che la indossa. È usata quasi esclusivamente da personale militare e serve per il riconoscimento in caso di morte o per ottenere dati come il gruppo sanguigno in caso di ferimento o emergenze.  Su ognuna delle due parti sono riportate il nome, il cognome, la data di nascita e il comune di nascita che però è codificato, il numero di matricola, la confessione religiosa con solo tre lettere, la cittadinanza e il gruppo sanguigno. In caso di morte viene spezzata e la parte con la catena resta sul corpo, mentre l’altra viene rimossa e consegnata all’autorità competente per la segnalazione del decesso.

Cava de’ Tirreni: il Museo di Mamma Lucia è Realtà, il 15 Consegna delle...

Il Museo di Mamma Lucia, che aprirà i battenti a Cava de' Tirreni presso il complesso di San Giovanni al Borgo, è ormai realtà.Questo...

La medaglietta ritrivata riporta la seguente iscrizione:

“13187 (69) – Fanziani Paolo di Antonio e Ravagli Assunta – 1910 – Palazzuolo – Orvieto”.

Dopo che la foto è stata pubblicata su Facebook sono stati tantissimi i commenti di chi si è mobilitato per aiutare la famiglia di Cava de’ Tirreni a cercare i parenti del militare. Tra i tanti consigli dati quello di contattare qualcuno che si occupa dei caduti di guerra a Cava come i responsabili del Sagrario militare del cimitero della città metelliana.

Tra i vari consigli anche quello di contattare l’anagrafe del comune di Orvieto per scoprire se è presente un caduto in guerra con il nome ed il cognome riportati sulla targhetta e poi, da qui, rintracciare i familiari.

Tra i tanti c’è anche chi ha suggerito di contattare l’Associzione SALERNO 1943 (AIR FINDERS) che si occupa di preservare la memoria degli aviatori che, durante il secondo conflitto mondiale, precipitarono con i loro aerei in Campania e regioni limitrofe, rintracciando, identificando e ricostruendo la storia dei loro abbattimenti.