Cava de’ Tirreni: Aiuto dall’Informagiovani per le Domande alla Regione

Dopo l’uscita del maxi concorso alla Regione Campania, moltissimi anche a Cava de’ Tirreni avranno esigenza di compilare la domanda.

Si tratta di un bando da oltre 2 mila posti.

L’Informagiovani di Cava de’ Tirreni Attivo per la Concorso alla Regione

Proprio per aiutare attivamente i giovani cittadini di Cava de’ Tirreni a compilare correttamente la domanda per questo concorso, l’Informagiovani si è reso disponibile.

La dottoressa Pina Capasso è la nuova segretaria comunale di Ravello

La dottoressa Pina Capasso, classe 1981, originaria di Casoria, è la nuova segretaria comunale di Ravello.La nomina, a firma del sindaco Salvatore di Martino,...

Tra le attività istituzionali di questo organismo sono infatti previste proprio l’orientamento e l’accompagnamento dei giovani in ambito lavorativo.

All’interno degli uffici dell’Informagiovani di Cava de’ Tirreni, personale e attrezzature saranno in questi giorni a disposizione di chiunque debba far domanda e voglia essere guidato nella compilazione.

La domanda per il concorso alla Regione Campania va presentata esclusivamente online.

Gli uffici dell’Informagiovani cavese, sito in via Tommaso Cuomo presso Palazzo di Città di Cava, saranno aperti proprio per questo al mattino.

Ogni settimana seguiranno questi orari: Lunedì, Mercoledì e Giovedì dalle ore 9 alle 12.

Il Concorso alla Regione: 2145 Posti

I posti disponibili per il mega concorso indetto dalla Regione Campania, sono precisamente 2145, e così ripartiti: 950 posti categoria D e 1225 Categoria C, con diversi profili.

La procedura concorsuale sarà gestita dalla commissione RIPAM.

Il termine per l’invio delle domande è Giovedì 8 Agosto 2019.

La domanda fa fatta esclusivamente online compilando il modulo tramite il sistema “Step-One 2019”, all’indirizzo https://www.ripam.cloud.

È possibile candidarsi a più profili (se in possesso dei requisiti richiesti).

Concorso Regione Campania 950 Posti Categoria D: i Dettagli

I 950 posti categoria D, sono per il profilo di Funzionario, bisogna avere la laurea.

Verranno assunte a tempo indeterminato 328 unità presso la Regione Campania, 15 unità presso il Consiglio regionale della Campania, 607 unità presso gli Enti locali della Regione Campania.

I profili ricercati sono:

  • 125 posti di funzionario risorse finanziarie /funzionario pianificazione e controllo di gestione/ funzionario specialista contabile (categoria D) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 380 posti di funzionario amministrativo/funzionario amministrativo e legislativo /funzionario specialista amministrativo (categoria D) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 143 posti di funzionario tecnico /funzionario specialista tecnico (categoria D) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 62 posti di funzionario di sistemi informativi e tecnologici /funzionario informatico (categoria D) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 19 posti di funzionario comunicazione e informazione (categoria D) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 108 posti di funzionario di policy regionali e funzionario specialista in attività culturali (categoria D) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 66 posti di funzionario-specialista socio-assistenziale (categoria D) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 47 posti di funzionario di vigilanza (categoria D) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando.

Il concorso, per quanto concerne le prove di esame prevede una prova preselettiva comune ai profili professionali con test, da risolvere in 80 minuti, composto da 80 quesiti a risposta multipla.

Di questi, vi saranno 50 quesiti attitudinali consistenti in una serie di quesiti a risposta multipla per la verifica della capacità logico-deduttiva, di ragionamento logico-matematico e critico-verbale.

Altri 30 quesiti verificheranno la conoscenza delle seguenti materie: diritto costituzionale con particolare riferimento al Titolo V della Costituzione; diritto amministrativo con particolare riferimento alla normativa in materia di accesso, trasparenza e anticorruzione, disciplina del lavoro pubblico; diritto regionale e degli enti locali e con particolare riferimento a statuto e ordinamento della Regione Campania; geografia politica ed economica della Regione Campania.

Dopo ci sarà una prova selettiva scritta, distinta per i profili professionali, con 60 quesiti a risposta multipla sulle materie indicate nel bando, specifiche in base al profilo.

Ancora, si terrà una fase di formazione e rafforzamento della durata complessiva di 10 mesi, distinta per i profili professionali con valutazione finale, alla quale saranno ammessi i candidati secondo l’ordine della graduatoria provvisoria di merito.

Infine i candidati sosterranno la prova orale sulle materie della prova scritta e su elementi di informatica e lingua straniera.

Verranno valutati anche titoli.

Concorso Regione Campania 1225 Posti Categoria C: i Dettagli

Il concorso per 1225 Istruttori prevede l’assunzione a tempo indeterminato di 187 unità presso la Regione Campania, 18 unità presso il Consiglio regionale della Campania e
1020 unità presso gli Enti locali della Regione Campania.

E’ destinato ai diplomati di scuola secondaria superiore.

Nel dettaglio, i profili ricercati sono:

  • 121 posti di istruttore risorse finanziarie/istruttore contabile (categoria C) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 380 posti di istruttore amministrativo (categoria C) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 134 posti di istruttore tecnico (categoria C) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 71 posti di istruttore sistemi informativi e tecnologie/ istruttore informatico (categoria C) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 20 posti di istruttore comunicazione e informazione (categoria C) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 52 posti di istruttore policy regionali/istruttore culturale (categoria C) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 22 posti di istruttore socio-assistenziale (categoria C) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando
  • 425 posti di istruttore di vigilanza (categoria C) da distribuire nei vari comuni secondo la ripartizione riportata nel bando.

Le prove di esame prevederanno prima una prova preselettiva comune ai profili professionali.

Sarà un test, da risolvere in 80 minuti, composto da 80 quesiti a risposta multipla.

Di questi, 50 quesiti saranno a risposta multipla per la verifica della capacità logico-deduttiva, di ragionamento logico-matematico e critico-verbale, e 30 invece diretti a verificare la conoscenza di particolari materie.

Le materie sono: diritto costituzionale con particolare riferimento al titolo V della Costituzione; diritto amministrativo con particolare riferimento alla normativa in materia di accesso, trasparenza e anticorruzione, disciplina del lavoro pubblico; diritto regionale e diritto degli enti locali con particolare riferimento allo statuto e all’ordinamento della Regione Campania; elementi di geografia politica ed economica della Regione Campania.

Dopo, si terrà una prova selettiva scritta, distinta per i profili professionali, con 60 quesiti a risposta multipla sulle materie indicate nel bando, specifiche in base al profilo.

A seguire, fase di formazione e rafforzamento della durata complessiva di 10 mesi, distinta per i profili professionali con valutazione finale, alla quale saranno ammessi i candidati secondo l’ordine della graduatoria provvisoria di merito.

Infine, prova orale sulle materie della prova scritta e su elementi di informatica e lingua straniera.

Altro criterio di selezione sarà la valutazione dei titoli.