Cava de’ Tirreni, Halloween da Incubo: Bus preso d’Assalto, Due Feriti

Foto by Luca Narbone Facebook

Ieri 31 Ottobre, la serata di Halloween è trascorsa in maniera davvero spiacevole per alcune persone a Cava de’ Tirreni.

Infatti, un piccolo pullman della Bus Italia è stato preso d’assalto da alcuni ragazzi travestiti in occasione della notte prima del giorno di Ognissanti.

L’attacco è avvenuto in zona Contrapone, sita in frazione Passiano di Cava.

Vinci Casa: i numeri vincenti estratti oggi 3 Agosto

Anche per questo nuovo mese di agosto 2020 continuano le estrazioni di Vinci Casa, il concorso che promette di vincere case da sogno!Anche questa...

La segnalazione è stata fatta da un residente dell’area attraverso il social Facebook.

I ragazzini in questione hanno lanciato contro il veicolo pietre, uova, battoli di vernice e farina, come se stessero facendo uno scherzo di Carnevale.

Evidentemente è stato un scherzo proprio di cattivo gusto perchè sono rimaste ferite due persone e il bus è rimasto pressocchè distrutto dopo l’assalto.

Infatti quasi tutte le vetrate dell’autobus Bus Italia sono andate in frantumi, e una persona addirittura è stata ferita alla testa.

Ma oltre i danni provocati e alle lesioni riportate dai feriti, rimane anche tanto sconcerto e tanta amarezza per queste giovani generazioni che purtroppo non promettono niente di buono.

Ma non è tutto perchè sembra che questi episodi siano già accaduti in passato, proprio poco tempo fa, e sempre da quelle parti.

Lunedì scorso, per esempio, un altro veicolo Bus Italia era stato colpito da lanci di pietre a Passiano di Cava de’ Tirreni.

Si trattava di un minibus della linea numero 65.

Quindi, sembra proprio che la Festa di Halloween sia stata il pretesto per ripetere determinate azioni violente.

Violenza a Cava de’ Tirreni per Halloween: le reazioni sui social

Tantissimi i commenti di indignazione e di sgomento su Facebook, sotto il post di segnalazione.

C’è chi ha dato la colpa ai genitori dei ragazzi in questione, che forse non hanno saputo educarli e chi invoca l’intervento delle Forze dell’Ordine.

Ancora, chi avverte di non fare di tutta un’erba un fascio per poche teste calde, e infine chi vorrebbe che si introduca di nuovo la leva militare obbligatoria per ripristinare determinati valori.

In ogni caso, un episodio che deve far riflettere.