Cava de’ Tirreni: Enzo Decaro incontra Lola D’Arienzo

Il celebre attore napoletano Enzo De Caro ha fatto una visita a sorpresa ad Apollonia D’Arienzo.

È successo lo scorso 29 luglio.

A Cava de’ Tirreni De Caro ha non solo salutato Lola, l’ex ballerina di danza classica, colpita circa ventidue anni fa dalla Sla, ma si è fermato anche a pranzo a casa sua insieme alla sorella, al fratello, al figlio e alla cugina di Lola.

Rocambolesco incidente prima di Positano. Moto resta su una ruota di fianco all’auto /...

Ricsmbolesco incidente poco fa sulla statale 163 Amalfitana. In direzione Positano. Qui, nei pressi della fontana dei cavalli sono entratte in contatto per cause...

De Caro già in passato si era recato a casa di Lola così come tanti altri artisti come l’attore Alessandro Preziosi di cui Lola è fan sfegatata.

Lola è malata di Sla da 20 anni, e anche se parla solo battendo le ciglia, non si è mai arresa al suo male.

Circondata da tutti coloro che le vogliono bene, in particolare le è accanto il figlio Vittorio, è riuscita anche a pubblicare una raccolta di poesie, insomma non è solo una ex ballerina, ma si tratta di una persona con una sensibilità artistica a tutto tondo.

Una donna che ha deciso di non darla vinta alla Sla, ma che con dignità e a testa alta vive giorno per giorno, e si impegna in molte attività.

Descrive la sue passioni, come racconta il Mattino: infatti le piace molto cucinare, scrivere poesie e mantenere vivo il contatto con gli altri.

Poi, ama moltissimo il colore rosa, del resto tutto ciò che è intorno a lei nella sua stanza, lo dice; in effetti il rosa le ricorda la sua passione per la danza.

Ad accudirla oggi sono quattro persone, ma la sua casa è un via vai di cari amici e conoscenti, esiste anche un’associazione a suo nome “Amici di Lola”.

Alessandro Preziosi, recandosi a Cava de’ Tirreni, ha donato un pò del suo tempo a Lola, regalandole un momento davvero irripetibile, perchè ogni attimo e ogni minuto in più su questa terra hanno un valore speciale.

Lola D’Arienzo è l’esempio lampante della vita che non si arrende mai, anche di fronte a un dramma del genere dove sei imprigionato nel tuo corpo: il fisico potrà anche non rispondere, ma cuore e mente sono sempre vigili e forti, ora più che mai.

Forza Lola!