Cava de’ Tirreni: il Piccolo Alessandro Salvato dai Cavalieri della Bolla Pontificia

A Cava de’ Tirreni grande gesto di solidarietà dell’associazione Cavalieri della Bolla Pontificia.

Come riporta il quotidiano locale la Città, i membri si sono prodigati per un bimbo cavese, Alessandro, affetto purtroppo da un malattia, salvandolo di fatto.

Ecco come.

Cava de’ Tirreni: l’Associazione Cavalieri della Bolla Pontificia Riesce a Far Aver il Trapianto al Piccolo Alessandro

Amalfi: bonus sulla tassa rifiuti. Agevolazioni ai cittadini che ne faranno richiesta

Agevolazioni sulla tassa dei rifiuti per i meno abbienti ad Amalfi. L'Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Daniele Milano dunque anche per il 2019 mette...

Alessandro, 8 anni, un “piccolo cavaliere” di Cava de’ Tirreni da tempo combatte la sua battaglia contro una brutta malattia.

La sua speranza di salvezza?

Essere sottoposto a un trapianto di midollo osseo il prima possibile.

I membri dell’Associazione Cavalieri della Bolla Pontificia, coordinati dal presidente Antonio Russo in collaborazione con Giuseppe Ferrigno non sono rimasti con le mani in mano, anzi.

Hanno seguito Alessandro e la sua famiglia per 8 mesi, facendo di tutto per fargli ottenere il trapianto, e ci sono riusciti.

Ed infatti, a fine Agosto, il bambino è stato operato all’ospedale Bambin Gesù di Roma, presso il reparto di Onco-ematologia.

A praticargli il trapianto l’equipe guidata dal prof. Franco Locatelli, presidente della Commissione Superiore di Sanità.

Grande gioia e commozione innanzitutto per la famiglia di Alessandro, e ovviamente per tutti i soci dell’associazione che hanno combattuto insieme a lui.

La missione dei Cavalieri della Bolla Pontificia è proprio quella di aiutare coloro che sono meno fortunati, le persone malate e quelle davvero più bisognose.

Questo, grazie ai contatti con ospedali e strutture diverse in Italia e nel mondo, e difatti non è la prima volta che i Cavalieri risolvono casi del genere.

L’annuncio dell’avvenuto trapianto di Alessandro è stato dato sulla pagina facebook dell’associazione, e il post ha ricevuto l’apprezzamento di tantissimi cavesi e non.

Complimenti a questi signori per le lodevoli iniziative messe in campo e per questa fortissima vocazione solidale, ed auguri ad Alessandro e alla sua famiglia!