Carmine D’Elia da Cava de’ Tirreni Ambasciatore della Pizza Verace in Germania

Carmine D’Elia, pizzaiolo di Cava de’ Tirreni, è uno dei pochi professionisti della pizza a fare quella napoletana verace in Germania.

Quarantacinque anni, cavese doc, Carmine gestisce in società con una famiglia tedesca il ristorante “La Pergola”.

Il locale si trova a Kaufbeuren, città ad una novantina di chilometri da Monaco di Baviera.

Estrazione Eurojackpot oggi 14 Giugno: ecco i numeri vincenti estratti nel concorso oggi

Dopo una settimana eccoci di nuovo qui per l’estrazione del concorso Eurojackpot che unisce tante comunità.Eurojackpot è il gioco che ti mette in sfida con il resto...

La sua pizzeria espone bene in vista il marchio dell’AVPN, l’Associazione Verace Pizza Napoletana.

Come riporta l’ultimo numero del periodico Cava Notizie, per il suo lavoro D’Elia ha ricevuto un particolare riconoscimento da parte della “Associazione per l’amicizia tedesca-Italiana Paestum”.

Infatti è stato premiato lo scorso Novembre durante una cerimonia ufficiale.

Carmine D’Elia: la Cultura della Pizza Verace Napoletana da Cava de’ Tirreni alla Germania 

L’associazione che lo ha insignito, da molti anni premia i cittadini tedeschi e italiani che si impegnano in modo particolare per una comprensione ancora migliore tra Germania e Italia.

“Sono l’unico in Germania ad essere associato all’Avpn, cosa che mi carica di un’enorme responsabilità”, dice Carmine.

Il pizzaiolo di Cava de’ Tirreni, per usare le sue stesse parole, ha la passione per la pizza nel sangue.

Nato nel 1967, sua madre gli ha trasmesso fin da bambino l’amore per la tradizione della pizza.

Diciotto anni fa giunse a Kaufbeuren, e coccola da allora gli ospiti della pizzeria del forno a legna “La Pergola” con la sua cucina.

Racconta lui stesso:

“A 22 anni persi il lavoro di operaio e mia madre, la popolare “Nannina ‘a pizzaiolà”, mi fece da maestra dell’arte della pizza. E mi impegnai nella nuova avventura, con tutta la passione possibile e con tanti sacrifici, che ho accettato di buon grado, perché gli obiettivi erano allettanti e facevo le cose che amavo”.

Le soddisfazioni infatti sono poi arrivate.

Questo non è l’unico riconoscimento che ha ottenuto.

Carmine aveva già ricevuto dalla NATO e dall’ambasciata italiana in Germania altri premi per il suo lavoro di pizzaiolo.

Complimenti Carmine e avanti così!