Capri la meta dove si spende di più per una camera d’albergo. Segue Positano

E’ Capri il posto in Italia dove si spende di più per soggiornare in una camera d’albergo. A dirlo è il Report 2019 di World Capital in collaborazione con Nomisma.

Il report offre una dettagliata overview sui costi immobiliari per camera delle seguenti località di mare: Portofino, Lido di Venezia, Cesenatico, Forte dei Marmi, Sperlonga, San Benedetto del Tronto, Positano, Polignano a mare, Maratea, Tropea, Giulianova, Termoli, Capri, Porto Cervo, Taormina.

In questi luoghi di villeggiatura la cifra che bisogna spendere per trascorrere una notte da sogno in un hotel a cinque stelle si aggira tra le 400 euro ai mille euro.

Aprirà negli USA un ristorante dedicato al Limoncello e ispirato alla Costiera Amalfitana

Si chiamerà Limoncello Italian Restaurant & Wine Bar e sarà un ristorante ispirato alla Costiera Amalfitana.Si tratta della seconda filiale che aprirà a Baltimora. Il primo,...

Le destinazioni più costose sono Capri per i 4 e i 5 stelle, rispettivamente con un valore immobiliare di 343 € e di 991 € a camera, e Positano per i 3 stelle con un valore per camera di 253 €.

foto Fabio Fusco

Restando sul tema della strutture ricettive a 5 stelle, oltre a Capri, sul podio troviamo in fila sempre Positano con un valore per camera di 830 € e Portofino con 719 €. Al Centro Italia è poi Forte dei Marmi ad avere la meglio, con i suoi 526 € per una stanza in una struttura 5 stelle.

Sul fronte dell’attrattività turistica, la destinazione di mare che registra il puntaggio più alto è la Riviera Romagnola, con 87,4 su 100. Buoni risultati anche per i comuni del litorale campano, tra cui la nostra Costiera Amalfitana e Cilento (con uno score pari a 86 su 100) e le destinazioni marittime del Veneto e del Friuli Venezia-Giulia (82,3).

Come riporta sempre il report, l’Italia è leader per posti letto in Europa registrando un incremento del 0,3% dal 2009 al 2018. I posti letto hanno subito un considerevole aumento, circa del +11%, passando da 12 milioni e mezzo nel 2009 fino ad arrivare a quasi 14 milioni nel 2018, 1,1 milioni dei quali in Italia.

Per quanto riguarda il numero di esercizi alberghieri, invece, nel 2018 è il Regno Unito ad essere più performante con 39˙845 esercizi, seguito al secondo posto dall’Italia con 32.896 strutture e al terzo dalla Germania con 32.433 esercizi.