Capri: il Comune adotta i gatti randagi, garantirà loro cibo e cure

Sono molti i randagi che vivono senza cure adatte e senza cibo. Tuttavia, una bellissima iniziativa quest’anno vede protagonista il Comune di Capri.

Da oggi, infatti, tutti i piccoli amici randagi, in particolare i gatti, saranno considerati cittadini a tutti gli effetti.

Il Comune, con un atto di grande solidarietà, garantirà cibo e cure necessarie ai gatti liberi della piccola isoletta di Capri. Il sindaco, Marino Lembo, spiega il perchè di questa iniziativa: “I gatti sono capresi a tutti gli effetti, sono abitanti animali e come tali abbiamo il dovere di provvedere anche a loro”. 

Insomma, da questo momento, il Comune dimostrando grande civiltà si farà carico di tutto ciò che occorre ai gatti randagi. Dalle cure mediche al cibo, i piccoli mici saranno supervisionati come delle star!

L’iniziativa nasce per salvaguardare le 10 colonie feline presenti sull’isola di Capri di cui i volontari, già da molto tempo, si prendono cura. Il Comune, pertanto, per agevolare tali associazioni, si occuperà delle spese mediche e alimentari.

Il sindaco nel suo discorso continua: “Distribuiremo appositi kit per il soccorso e la cura degli animali d’affezione liberi, i gatti soprattutto. Un modo per aiutare i capresi, tradizionalmente amanti degli animali e soprattutto dei gatti, e compiere queste azioni in modo igienicamente corretto“.

Ed ecco che la famosa isoletta di Capri, diviene un esempio per tutti i comuni d’Italia. Se infatti ogni comune si facesse carico delle spese tutti i randagi potrebbero vivere serenamente in simbiosi con la comunità e liberi.

L’obiettivo dell’iniziativa è preservare e trasmettere il rispetto e l’amore per gli animali, che spesso manca. Il Sindaco, ha infine dichiarato: “Appena possibile inizieremo un ciclo di lezioni rivolte ai bambini incentrate sulla conoscenza degli animali. E’ fondamentale che acquisiscano fin da subito gli strumenti per approcciarsi nel modo corretto con cani, gatti e tutti gli animali”.