Capri: dopo due anni e mezzo nasce un bambino al “Capilupi”

Dopo due anni e mezzo Capri ritorna a sentire il vagito di un neonato all’ospedale Capilupi.

Ieri mattina sull’isola dei Faraglioni, come riporta il Corriere del Mezzogiorno, è nato Christian, un maschietto di 3 chili che ha ridato alle neomamme la speranza di partorire nuovamente all’ospedale dell’isola e non più in trasferta sulla terraferma.

A dare ieri la buona notizia della nascita è stato il dottor Paolo Falco, consigliere comunale che da anni lotta per garantire ai capresi i livelli minimi di assistenza sanitaria e risollevare le sorti dell’unico ospedale caprese in perenne emergenza. E ad essere maggiormente in emergenza proprio il punto nascite che, escluso dal piano ospedaliero regionale, è attivo solo in caso di condizioni meteo avverse e cioè quando non è possibile trasferire la neo mamma sulla terraferma.

Maiori, uomo salvato in mare: era aggrappato a una barca. Avvistato dalla strada

È andata invece bene a Maiori a un altro anziano salvato questa mattina alle spalle del porto turistico. L'uomo aggrappato a una barca è...

Dopo i tre bambini nati nel 2017, ieri, dopo quasi tre anni, è venuto alla luce Christian con parto naturale a termine. Ovviamente felici ed emozionati i due genitori di Anacapri che, dopo aver coccolato il loro figliolo, hanno ringraziato l’equipe che ha reso possibile la nascita del loro primogenito.

«Vogliamo ringraziare il ginecologo Luigi Ascione, le ostetriche Rosaria Attruia e Rosaria Schettino, la pediatra Ivana Corsi e l’infermiera di sala Gina Tortora. Il nostro auspicio è che dopo Christian anche altri bambini possano venire alla luce qui a Capri».

Soddisfatto anche il neosindaco Marino Lembo che, come si legge sul Corriere del Mezzogiorno, ha dichiarato: «E’ un buon segnale e lavoreremo perché il nostro diritto di nascere a Capri sia tutelato e quello di oggi non resti un fatto isolato».