Campania, Notte Europea dei Ricercatori 2022: il programma di questo anno

Il 30 settembre 2022, torna la Notte Europea dei Ricercatori. L’iniziativa, promossa dalla Commissione Europea fin dal 2005 coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei.

L’obiettivo, è quello di creare occasioni di incontro tra ricercatori e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale e stimolante.

Anche quest’anno dunque, l’obiettivo è quello di creare una varietà di eventi scientifici laboratori ed esperienze per i più grandi ed anche i più  “piccoli”. A differenza degli altri anni, però, il 2022 sarà la svolta, poiché l’evento durerà quasi un mese.

Per la prima volta infatti è stato approvato e finanziato dalla Comunità Europea il progetto biennale STREETS – Science, Technology and Research for Ethical Engagement Translated in Societ. Si tratta di una serie di eventi di avvicinamento al programma internazionale del 30 settembre 2022. Il progetto ideato dalle ricercatrici e dai ricercatori aderenti al consorzio STREETS, ha avuto già una fase di start-up, nel mese di luglio.

ECCO QUAL E’ IL CALENDARIO DEGLI EVENTI:

Dal 12 al 19 settembre, da Castellammare di Stabia a Napoli, passando per il  quartiere Vomero per poi arrivare  Centro storico, un QRCODE posto nelle vetrine di numerosi negozi, susciterà l’attenzione dei passanti. Il 23 settembre, invece a Ventotene, presso la Libreria Ultima Spiaggia, ci sarà un cafè letterario “LE DONNE E IL MARE” per onorare i cento anni dalla nascita di Verga a cura di Unicas.

Sabato 24 settembre, poi, la sede di Torchiara (SA) dell’Archivio della Fotografia Mediterranea dalle ore 19:30, ospiterà il public speaking su “LE ONDE GRAVITAZIONALI COME STRUMENTO PER CONOSCERE L’UNIVERSO” a cura di Associazione Cilento Domani Arte e Cultura Mediterranea APS con Associazione Scienza e Scuola APS.

Infine, dal 26 al 29 settembre, presso gli spazi espositivi del Museo MADRE Napoli, si discuterà di economia circolare e sostenibilità, spazio ed esplorazione, agricoltura 4.0 e biodiversità, tecnologie quantistiche nei talk Quattro racconti facili di Scienza e Arte a cura di Cnr-CREO e UNINA con uno storico dell’arte.

Sempre il 29 settembre, inoltre, spostandosi a Gaeta presso il Castello Angioino, si potrà assistere a “Con questi frammenti ho puntellato le mie rovine”,  un recital incentrato su piccole e grandi storie che hanno avuto come sfondo il territorio gaetano nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

Info e prenotazioni:

Quando: 30 settembre 2022
Dove: consultare il programma con gli eventi sul sito della Notte Europea dei Ricercatori