Campania: coltellate tra rider, 30enne in prigione per tentato omicidio

È nato tutto a causa di un ordine. La rissa tra i due rider sfocia in uno scontro violento che ha portato uno dei due ad essere accoltellato.

L’episodio ha avuto luogo presso il quartiere Miano, nella zona periferica a Nord di Napoli. Il 30 che ha sferrato la coltellata al collega, si trova adesso in carcere con l’accusa di tentato omicidio.

Le indagini delle forze dell’ordine che hanno portato all’identificazione dell’uomo sono state lunghe. Infatti la rissa risale allo scorso 21 marzo.

Casa di Carta panico in strada, intervengono i carabinieri ma erano due ragazzini

Cosa fareste voi se incontraste due persone vestite e mascherate come i protagonisti della Casa di Carta?Gli abitanti di Orbetello non hanno avuto dubbi, hanno chiamato...

Secondo le indagini della Squadra Mobile di Napoli, su coordinamento della Procura di Napoli, il diverbio sarebbe nato per un ordine che il rider di 25 anni rivendicava come  proprio, mentre il 30enne lo aveva già ricevuto in consegna. Un errore frequente da quando con la pandemia le app di food delivery sono sempre più gettonate.

In seguito ad alcuni diverbi iniziali, la lite sarebbe degenerata e il 30enne avrebbe sferrato contro l’altro ragazzo una coltellata, ferendolo gravemente agli organi vitali.

Era stato poi lo stesso 30enne a sporgere denuncia per tentato furto del suo motorino e tentato accoltellamento. Fortunatamente le immagini della videosorveglianza hanno mostrato la realtà dei fatti, accompagnate dalle testimonianze di chi era presente al momento dell’aggressione.

La vicenda si è conclusa nella giornata di oggi, con l’ordine di carcerazione e l’accusa di tentato omicidio per l’aggressore.