Caduta massi a Furore: riapre entro stasera la statale 163 Amalfitana

Finalmente! L’esclamazione è d’obbligo dopo un’attesa di oltre 48 ore per la riapertura della statale amalfitana 163 interrotta a Furore da martedì scorso. La notizia, trapelata nel primo pomeriggio, è che entro questa sera l’importante arteria di collegamento chiusa pochi metri prima del bivio per la Praia, dovrebbe finalmente riaprire.

L’Anas, che insieme al Genio Civile, ha completato l’iter burocratico necessario alla ripresa della circolazione, si a avvia a predisporre la rimozione dei new jersey ed ad installare due impianti semaforici che regoleranno, così come anticipato da Amalfinotizie, il traffico a sensi di marcia alternati.

Finisce dunque un incubo per studenti, lavoratori, pendolari e turisti, che da giorni stanno attraversando a piedi la zona interdetta e lungo la quale hanno lavorato un gruppo di rocciatori disgaggiando arbusti e materiale lapideo in precario stato di equilibrio.

Covid Italia: prorogato lo stato d’emergenza fino al 15 ottobre. Ecco cosa cambia

Il Senato ha approvato ieri sera la la mozione della maggioranza che proroga lo stato di emergenza fino al 15 ottobre con 157 sì, 125...

Decine di massi alcuni dei quali di grandi dimensioni che se fossero venuti giù avrebbero potuto creare conseguenze serie ai mezzi in transito. E per fortuna che martedì scorso è suonato il campanello d’allarme con il crollo di un’unica pietra (anche questa volta intelligente perché è venuta giù quando la strada era sgombera da persone e mezzi) in seguito al quale è stata disposta la chiusura dell’arteria.

La strada però da martedì, giorno in cui è stato ultimata la bonifica, è rimasta inspiegabilmente chiusa per ben due giorni. Un particolare che ha generato non poche polemiche non solo da parte di chi in questi giorni ha patito i disagi (oggi in tanti si sono avviati a piedi sotto la pioggia) ma anche dagli operatori economici dei due versanti. Quello a nord e a sud della Praia.

Già, perché Positano e Praiano sono rimaste isolate dal resto della Costiera, ed i tanti pendolari, tra studenti e lavoratori provenienti da entrambi i lati, costretti ad attraversare nei due sensi il fronte della frana. Tutto ora dovrebbe risolversi. Seppur con i semafori e il senso di marcia alternato.