Bus turistici in Costiera, quattro sindaci chiedono deroga. Capone “Organizzati senza appesantire viabilità”

È in programma nel pomeriggio di oggi la Conferenza dei Sindaci della Costa d’Amalfi. Tema caldo resta quello della mobilità, con alcuni dei 13 comuni che richiedono deroghe all’ordinanza dell’Anas.

Il documento, lo ricordiamo, prevede il senso di marcia obbligatorio in direzione Positano-Vietri sul Mare per i mezzi di dimensioni inferiori a 10 m di lunghezza e superiori ai 6 m. Con deroga, nel periodo che va dal primo giugno al 30 settembre, per i soli veicoli adibiti al trasporto di persone di medesime dimensioni che potranno transitare in direzione opposta tra le 9 e le 11 da Ravello a Positano, e tra le 16.00 e le 19.00 da Ravello ad Amalfi.

Tra i promotori della lettera – firmata dai Sindaci di Vietri sul Mare, Cetara, Maiori e Minori – vi sono Antonio Capone e Andrea Reale. I quali, in attesa di incassare il sostegno di altri sindaci, vogliono precisare il rispetto per la regolamentazione. La quale, però, deve integrare il minimo buon senso.

Vogliamo semplicemente garantire il transito anche in senso opposto (e, quindi, Vietri sul Mare-Minori, NdR) per i bus turistici con prenotazioni nelle nostre strutture, le macchine e le autovetture. In deroga a quelle che sono le targhe alterne. Voglio privilegiare i turisti che pernottano nelle nostre strutture. Facilitando grandi cerimonie e matrimoni”. Ha dichiarato il sindaco di Maiori Antonio Capone alle nostre colonne. Che poi precisa: “Non vogliamo appesantire la viabilità, anche perché sfruttiamo il transito via mare. Ci rendiamo conto – continua Capone – delle criticità vissute dai residenti”. In tal senso ci si è già organizzati con movieri: “Un turno dalle quattro alle cinque ore di presso il comune di Cetara“.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Andrea Reale, sindaco di Minori. “Siamo in attesa di dialogare con gli organi competenti. Vogliamo tutelare sia i residenti che i turisti che arrivano sul nostro territorio