BufalaFest Napoli: spopola il calzone integrale di Tramonti con ricotta, alici e limone / Foto

Lo abbiamo sempre detto: se la pizza è conosciuta e apprezzata nel mondo questo lo si deve anche ai pizzaioli di Tramonti. Un vero e proprio esercito di uomini e donne che ha invaso il nord Italia e gran parte dei paesi europei ed extraeuropei dove sono impiantate oltre duemila pizzerie. E ciascuna di queste ha contribuito a diffondere la cultura della pizza rendendola oltremodo famosa.

Un primato che anche Napoli riconosce alla piccola cittadina montana della Costiera Amalfitana che è riuscita a rifondare e accreditare su scala nazionale l’Associazione Pizza Tramonti, il sodalizio nato per promuovere storia, cultura e tradizione. In particolare quella della pizza integrale che in queste sere sta spopolando al Bufala Fest di Napoli, manifestazione organizzata sul Lungomare Caracciolo.

Ecco a quale organizzazione non è mai stata assegnato il Premio Nobel per la...

Il premio Nobel per la pace è stato istituito dal testamento di Alfred Nobel del 1895 ed è stato assegnato per la prima volta nel 1901, come gli altri premi...

«Sta andando benissimo – rivela Carmine Nasti infaticabile al forno insieme con i suoi colleghi giunti dal nord per partecipare all’iniziativa – Inizialmente c’era un po’ di scetticismo ma quando abbiamo iniziato a far degustare le nostre pizze e il calzone con ricotta di bufala alici di Cetara e limone Igp Costa d’Amalfi, è stato un trionfo. Lo stand è frequentatissimo e stiamo avendo grandi soddisfazioni».

Tanti infatti sono i partecipanti all’evento che anche ieri sera hanno affollato lo stand n.27 della kermesse. Ovvero quello di Tramonti e della sua straordinaria pizza integrale servita con pomodorini gialli e rossi, provola, origano dei onti Lattari, alici di Cetara e Limone Igp Costa d’Amalfi e olio aromatizzato al limone. Il tutto impreziosito da una punta di piccante.

«Abbiamo sconfitto la diffidenza e stiamo andando a gonfie vele – dice il vice sindaco di Tramonti, Vincenzo Savino – Per noi si tratta di una importante vetrina per il territorio ma soprattutto per questo prodotto che si differenzia dalla pizza napoletana. La strada intrapresa dall’Associazione è quella della promozione attraverso la partecipazione ad eventi di cartello in cui portiamo la nostra tradizione, la nostra cultura ma soprattutto le eccellenze del nostro territorio».

Fino a domenica 8 settembre, i pizzaioli di Tramonti (nella foto di copertina da sinistra Carmine Nasti, Da Nasti a Bergamo; Vittorio e Adolfo Giordano, Pizzeria Giordano Biella; Rosaria Amato, Bella Napoli Vigevano; Carmensita Oliva Al Capriccio Dropello Cairoli; Pasquale Giordano, Vesuvio Cuneo; Orlando Vitagliano, Pizzamania Lecco) che a rotazione inforneranno e sforneranno i loro prodotti, saranno presenti all’evento con turnazioni che hanno visto la partecipazione anche di molti maestri provenienti dal Nord Italia