Boom di turisti in Campania per l’Immacolata. Salerno regina assoluta, bene la Costiera

foto Massimo Pica

Ancora un risultato positivo per quando riguarda il turismo in Campania durante la stagione invernale.

Durante il fine settimana dell’Immacolata sono stati tantissimi i turisti, italiani e stranieri, che hanno trascorso le feste nella nostra regione, soggiornando tra Napoli, Salerno, Sorrento e la Costiera Amalfitana.

foto Massimo Pica

Regina assoluta del ponte dell’8 dicembre è stata Salerno che, con le sue Luci d’Artista, ha conquistato i viaggiatori con un trend di prenotazioni che si sono attestate al 99%. Un vero e proprio sold out quello di Salerno che ha visto le strutture alberghiere ed extralberghiere prenotate da venerdì 7 a domenica 9 dicembre. La media dei prezzi a camera doppia si è aggirata tra i 70 e i 130 euro.

Francesco Petrone Ciao Darwin: chi è il protagonista di A Spasso nel Tempo

Questa sera su Canale 5 sarà riproposta la prima puntata della settima stagione di Ciao Darwin. Uno dei grandi protagonisti sarà Francesco Petrone che parteciperà per i...

Ottimi risultati di prenotazioni anche a Vietri sul Mare e a Cava de’ Tirreni dove le prenotazioni per il ponte dell’Immacolata si sono assestate al 95% con una media da 80 a 100 euro a camera. A giocare un ruolo decisivo sulle prenotazioni la vicinanza a Salerno e quindi alle Luci d’Artista. La nostra Costiera Amalfitana ha fatto registrare un con l’84% di prenotazioni e una media a camera tra gli 80 ai 130 euro.

Buon risultato anche a Napoli che è stata prenotata all’89%, con una media di pernottamento e camera tra i 70 e i 20 euro. Le prenotazioni maggiori hanno riguardato il centro storico raggiungendo una media del 92% con un prezzo che ha sfiorato anche i 120 euro per una camera doppia.

L’isola di Capri si è fermata al 73% di prenotazioni mentre Ischia ha raggiunto un buon 82% e un prezzo medio di 85 euro. Meno del 50% di prenotazioni per Procida. La penisola sorrentina è per l’80% ed un prezzo medio dai 70 ai 120 euro mentre Sorrento da sola ha sfiorato l’85%.

Dai dati divulgati dall’Abbac traspare che il viaggiatore ha preferito destinazioni con collegamenti e trasporti facili e frequenti e aumenta anche il divario con un target che preferisce strutture ricettive di lusso. Infine, le tendenze di viaggiatori stranieri sono in aumento anche dai paesi asiatici e sudamericani mentre hanno ripreso a viaggiare gli italiani.