Bocconcini del Prete: la Ricetta Made in Napoli

Foto Le ricette di casa mia by Concetta Facebook

Oggi vi proponiamo una ricetta semplice e buone i “ Bocconcini del Prete ”.

I Bocconcini del Prete non sono altro che delle frittatine ripiene e si tratta di una ricetta della tradizione napoletana, ma ormai ricetta conosciuta un po’ dappertutto; semplice da preparare, economica e veloce, un’idea gustosa che piacerà a tutti.

Un sapore familiare, della cucina di tutti i giorni, che può essere personalizzato cambiando il ripieno a seconda di quello che si trova in frigo e se si preferisce può essere mangiato in bianco senza sugo, riscaldandolo in forno solo per far sciogliere il formaggio.

Oroscopo Paolo Fox Domani 20 Agosto: Amore, Salute e Lavoro

Oggi non è andata molto bene la giornata? Allora scoprite se la giornata di domani e il resto di questa settimana invece andranno meglio leggendo l’oroscopo...

Ingredienti per i Bocconcini del Prete alla Napoletana:

6 uova

100 g prosciutto cotto

350 g pomodori pelati

100 g provolone

50 g parmigiano

Olio, origano

Preparazione del piatto

Tagliare a pezzi i pomodori pelati e farli cuocere in un tegame con olio, origano e un po’ di sale. Mentre la salsa cuoce, tagliare a dadini il prosciutto cotto e il provolone.

Sbattere le uova con il parmigiano grattugiato, aggiungendo sale e pepe. In una piccola padella, preparare delle frittatine abbastanza sottili, in cui inserire un po’ di prosciutto e di provolone.

Richiudere la frittata su se stessa. Una volta pronte, mettere in una teglia da forno le frittatine ripiene e la salsa di pomodoro. Infornare e lasciar cuocere per alcuni minuti a 190°.

L’espressione boccone del prete ha più significati. Con questo termine si denomina la parte più prelibata del pollo, ovvero il “sottocoda”, per esaltarne l’importanza.

Questo modo di dire risale al Medioevo, quando solo il clero e l’aristocrazia potevano concedersi certe pietanze che, quasi sempre, venivano ricevute in dono dai contadini obbligati a dare ai Signori i migliori capi di bestiame.

I cuochi chiamano boccone del prete quella ridotta ma squisita porzione del pesce considerata “guanciale del pesce” che si trova in prossimità degli occhi dell’animale.

Il piatto può fungere sia da antipasto che da seconda portata vera e propria.