Black Out – Vite sospese è la nuova serie televisiva, diretta da Riccardo Donna e trasmessa su Rai 1 a partire da lunedì 23 gennaio. Si tratta di un thriller davvero coinvolgente, con grandi colpi di scena che catturerà sicuramente l’attenzione dei telespettatori.

Una trama avvolta nel mistero che ha come protagonisti Alessandro Preziosi, Aurora Ruffino, Rike Schmid e Marco Rossetti. La fiction debutta eccezionalmente con un doppio appuntamento il 23 e 24 gennaio. Gli altri episodi verranno trasmessi di lunedì e il finale di stagione è previsto per il 6 febbraio. Scopriamo ora di cosa parla e dov’è ambientata questa storia drammatica e ricca di suspense e segreti.

Black Out – Vite sospese: la trama

È la vigilia di Natale quando una grossa valanga blocca l’unico passaggio che collega un paesino della Valle del Vanoi in Trentino al resto del mondo. Gli ospiti di un lussuoso hotel e gli abitanti del piccolo borgo rimangono così isolati, senza elettricità e mezzi
di comunicazione.

La vacanza si trasformerà in un veto e proprio incubo, pertanto tutti dovranno imparare a essere una comunità. Potranno farlo lasciando da parte ogni pregiudizio e superando ogni tipo di paura: i loro destini e le loro storie s’intrecceranno. La vicenda ruota tutta intorno a Giovanni Lo Bianco, alias Alessandro Preziosi, in vacanza con i figli Riccardo
ed Elena.

Giovanni è un ricco imprenditore che ha perso da poco la moglie e, pur apparendo molto tranquillo, nasconde un segreto sconvolgente. Una missione da svolgere nei confronti di Claudia, un medico sotto protezione che vive in una baita attigua
all’albergo insieme a sua figlia Anita. Claudia sarà l’unica in grado di poter salvare Elena rimasta coinvolta nella valanga.

Blackout Vite sospese: dove si trova la Valle del Vanoi

La storia raccontata nella fiction è sicuramente molto misteriosa oltre che drammatica. La vicenda è ambientata in un paesino montano che rimane isolato a causa di una valanga, così come gli ospiti di un resort di lusso.

I fatti si svolgono nella zona orientale del Trentino, ovvero nella Valle del Vanoi. Più precisamente la storia è ambientata a Valdena, ma nella realtà il paese è Caoria, una piccola frazione di Canal San Bovo.

Leggi anche: Dove si trova nella realtà il resort di Black Out – Vite sospese

L’hotel è Villa Welsperg dove sono state girate le riprese esterne, mentre altre scene sono state allestite in Val Canali, Valle del Primiero e Val Vanegia. La Valle del Vanoi è definita il cuore verde del Trentino proprio per le bellezze naturali e selvagge che offre.

Leggi anche: Black Out – Vite sospese è ispirato alla tragedia di Rigopiano? La verità

Si tratta di un luogo meraviglioso e molto suggestivo circondato dalle vette altissime delle Dolomiti. La trama del mistery drama, contrariamente a quanto si possa pensare, non è ispirata alla tragedia di Rigopiano.

Fonte: MovieDigger

Articolo successivo

La vera storia di Hans Hubermann protagonista di Storia di una ladra di libri