Bicarbonato per Digerire: Dopo Aver Mangiato Tanto Ecco il Rimedio

Tutti sappiamo che il bicarbonato per digerire può fare miracoli.

Ed è infatti uno dei modi per poter smaltire il cibo quando si è mangiato troppo.

Dopo le grandi abbuffate, il bicarbonato per digerire è l’ideale.

Bicarbonato per digerire: cos’è e che proprietà ha

Voragine sulla Sp1 Ravello – Tramonti: si circola a senso unico alternato | Aggiornamenti

A causa di una importante voragine sulla carreggiata, la Sp1 Ravello - Tramonti, dall'altezza del km 2+100, é chiusa al transito.Lo rende noto il...

Il nome completo bicarbonato di sodio, altrimenti detto idrogeno carbonato di sodio.

Si tratta, per dirla chimicamente, di un sale con la formula NaHCO3.

E’ vero che è un principio attivo di diversi farmaci per uso parenterale, che curano stati di acidosi metabolica; shock; intossicazione da barbiturici, salicilati e metanolo; sindromi emolitiche e rabdomiolitiche; iperuricemie.

Ed ecco perchè è un elemento importante che permette di contrastare i disturbi intestinali e l’acidità di stomaco.

Ad occhio nudo si presente come una polvere bianca, che si scioglie in acqua.

Come agisce il bicarbonato per digerire?

Esso può aiutare a contrastare l’acidità stomaco perchè interagisce con l’acido cloridrico presente nell’organo.

La reazione che si scatena è in grado di neutralizzare l’acidità dei succhi gastrici.

Bicarbonato per digerire: come si usa e avvertenze

Prima di assumere il bicarbonato per digerire dovete sapere che come rimedio è valido solo temporaneamente, nel senso che il suo effetto non è duraturo in quanto non va ad intervenire sulle cause di eventuali disturbi di stomaco o pancia.

Quindi è bene usarlo occasionalmente, cioè ad esempio dopo un grande abbuffata se ci si sente pesanti o ci fa male lo stomaco.

Infatti ha anche degli effetti collaterali che potrebbero manifestarsi ad un uso prolungato nel tempo.

Esso poi, contiene sodio, quindi deve essere utilizzato con cautela e parsimonia dai soggetti che stanno seguendo una dieta iposodica, perchè magari hanno problemi cardiaci, o soffrono di ipertensione.

In questi casi meglio prima chiedere al medico.

Quindi se avete mangiato troppo, molto, come capita spesso durante le festività, allora il bicarbonato per digerire è il rimedio giusto.

Come usarlo: sciogliete uno o due cucchiaini all’interno di un bicchiere d’acqua, l’acqua deve essere a temperatura ambiente.

Mescolate in modo che il bicarbonato si sciolga per bene nell’acqua, e bevete.

Fatelo subito dopo aver finito di mescolare, e comunque assumetelo non subito dopo aver mangiato ma dopo una o due ore dal pasto.

Effetti collaterali e Interazione con altri Farmaci

Il bicarbonato può interferire con eventuali farmaci che si stanno assumendo.

In generale può diminuire l’efficacia di farmaci acidi e acuire invece l’assorbimento di farmaci basici, aumentandone la tossicità per l’organismo.

Ecco perchè, se state seguendo terapie farmacologiche, è bene prima consultare il medico per capire se assumere o meno il bicarbonato per digerire.

Per quanto concerne gli effetti collaterali, ecco un elenco di quelli che in alcuni casi si possono presentare:

Flatulenza, Crampi allo stomaco, Ritenzione idrica, Alcalosi metabolica (soprattutto in pazienti affetti da insufficienza renale).

Possibilità anche di reazioni allergiche in soggetti sensibili.

Se si è in gravidanza o in allattamento, ecco invece quali prassi seguire.

Se siete incinte, meglio sempre chiedere consiglio al dottore, anche gli studi fatti hanno dimostrato che il bicarbonato non danneggia il feto.

Contenendo però sodio può comunque aumentare la ritenzione idrica, e in gravidenza questo fenomeno è già acuito di per sè.

In allattamento invece, esso può essere assunto, non ci sono controindicazioni.

L’uso del bicarbonato per digerire è sconsigliato ai bambini in età pediatrica.