Bandiere Blu 2019: in Costiera si riconferma Positano. Ecco tutti i comuni campani premiati

Positano è Bandiera Blu anche per il 2019. La Bandiera Blu è stata assegnata a Positano questa mattina a Roma presso il Cnr dalla Fee (Foundation for Environmental Education).

Il riconoscimento attribuito ogni anno per qualità del mare e dei servizi offerti nei centri costieri premia anche quest’anno la città verticale, unica della Costiera Amalfitana.In totale in Italia salgono a 183 i comuni e a 72 gli approdi turistici premiati per un totale di 385 spiagge, circa al 10% delle spiagge premiate a livello mondiale.

Oltre alla giuria nazionale, che ha lavorato in sinergia con quella internazionale, hanno dato il loro contributo anche alcune istituzioni come il ministero dell’Ambiente, quello delle Politiche agricole, il Coordinamento assessorati regionali al turismo, il Comando generale delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, l’Ispra, il Laboratorio di oceanologia ed ecologia marina dell’università della Tuscia, la Federazione nazionale degli Ordini dei chimici e dei fisici e l’Anci nonché organismi privati quali i Sindacati Balneari (Sib-Confcommercio e Fiba-Confesercenti), la Fin, sezione salvamento.

Benessere giovani: aperto il bando per la creazione di un’Impresa Culturale Creativa

Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, nell’ambito del Progetto Benessere Giovani “FO.CU.S –formazione, cultura e spettacolo a Ravello Città dei Giovani” ha...

Per la Fee, la qualità delle acque o la spiaggia da sogno è solo il punto di partenza, non di arrivo. La procedura di certificazione segue infatti la norma Uni-En Iso 9001:2015. Primo elemento sono ovviamente i risultati delle analisi che, nel corso degli ultimi quattro anni, le Arpa (Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente) hanno effettuato nell’ambito del Programma nazionale di monitoraggio, condotto dal ministero della Salute insieme a quello dell’Ambiente. Risultati presentati direttamente dai comuni.

Per piantare la bandiera blu vengono poi presi in considerazione altri 32 indicatori che vengono aggiornati periodicamente. L’obiettivo è spingere le amministrazioni locali partecipanti a impegnarsi per risolvere, e sanare nel tempo, le problematiche relative alla gestione del territorio. Anche quest’anno sono stati messi sotto la lente l’esistenza e il grado di funzionalità degli impianti di depurazione, gli allacci fognari, la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla riduzione della produzione, alla raccolta differenziata e alla gestione di quelli pericolosi, le iniziative promosse dalle amministrazioni per una migliore vivibilità nel periodo estivo, la valorizzazione delle aree naturalistiche eventualmente presenti sul territorio, la cura dell’arredo urbano (piste ciclabili, zone pedonali) e delle spiagge e la possibilità di accesso al mare per tutti senza limitazioni.

Non bisogna inoltre dimenticare l’azione di sensibilizzazione intrapresa affinché i comuni portino avanti un processo di certificazione delle loro attività istituzionali e delle strutture turistiche che insistono sul loro territorio ma anche i programmi rivolti a cittadini e turisti. Tutti requisiti che il comune di Positano ha soddisfatto a pieno.

Regione regina italiana per le Bandiere Blu è la Liguria che sale a 30 località con i nuovi ingressi di Imperia, Riva ligure e Sanremo. Segue la Toscana con 19 località e la Campania che resta a 18 Bandiere.

In provincia di Salerno è il Cilento a confermarsi come una delle aree d’Italia con la maggiore concentrazione di Bandiere Blu: Capaccio Paestum, Agropoli, Castellabate, Montecorice, San Mauro Cilento, Pollica, Casal Velino, Ascea, Pisciotta, Centola, Ispani, Vibonati e Sapri. In Provincia di Napoli, invece, premiate Anacapri, Massa Lubrense, Piano di Sorrento e Sorrento.

Oltre alle Bandiere Blu per le spiagge la Provincia di Salerno ottiene 5 Bandiere Blu per gli approdi. Riconoscimenti ad Agropoli, Pollica, Casal Velino, Camerota e Palinuro oltre che a Marina d’Arechi a a Salerno.