Baccalà al Pomodoro: la Ricetta Napoletana in Due Versioni

Foto by ricettedigabry

Il baccalà al pomodoro è un grande classico della cucina napoletana.

In generale si tratta di un pesce molto cucinato in Campania e a Napoli, specie durante le Feste.

Si fa anche fritto, oppure con le olive.

Cetara plastic free: continua nel borgo il progetto “SensibilizziAMOci”

Prosegue a Cetara “SensibilizziAMOci”, il progetto ideato dall’amministrazione comunale, guidata da Fortunato Della Monica, che ha la finalità di informare e responsabilizzare l'intera comunità,...

Il baccalà al pomodoro è un secondo piatto di pesce semplice da preparare.

L’ingrediente principale è il merluzzo che conservato sotto sale prende il nome di baccalà.

Questo tipo di lavorazione si rese necessaria secoli orsono quando, non esistendo i frigoriferi né mezzi di trasporto veloci, per far trasportare il pesce in città lontane dalle coste, bisognava preservare le carni preziose del merluzzo dall’irrancidimento.

La salagione manteneva le carni intatte e le arricchiva di salinità.

Il baccalà al pomodoro è un piatto povero che prevede l’utilizzo di baccalà e pomodori, nonostante si tratti di un secondo che non presenta particolari difficoltà di esecuzione, è fondamentale che si effettui una dissalatura completa.

Siccome questo procedimento è piuttosto laborioso potete utilizzare baccalà già ammollato altrimenti basta lasciare il baccalà in ammollo in abbondante acqua fredda per 24 o 48 ore in base alle dimensioni.

L’acqua deve essere cambiata ogni 6 ore circa e il recipiente in cui avviene il processo conservato in frigorifero.

Vediamo come si fa il baccalà al pomodoro.

In realtà ci sono due versioni da poter fare della stessa ricetta con i medesimi ingredienti.

Baccalà al Pomodoro Napoletano: la Ricetta partenopea in due versioni

Ingredienti per 4 persone

Baccalà già ammollato g 800

Per la salsetta: pomodori pelati g 250, olio d’oliva cl 5, aglio I spicchio, sale, farina g 80, olio d’oliva per friggere dl 1 1/2

Tempo di cottura: 30 minuti.

Preparazione – Versione 1

Cuocere in un tegame, per pochi minuti, una salsetta fatta con i pomodori, l’olio, l’aglio tritato e pochissimo sale.

Tagliare a pezzi il baccalà già ammollato e adagiarlo sulla salsa.

Coprire e far cuocere sul fornello a fiamma moderata.

A metà cottura provare il sale e, se necessario, aggiungere qualche cucchiaio di acqua calda.

Servire quando la salsa si è asciugata, accompagnando con patate lesse.

Preparazione – Versione 2

Tagliare a pezzi e infarinare il baccalà già ammollato.

In una padella con abbondante olio d’oliva, molto caldo, friggere i pezzi rigirandoli sui due lati.

Quando assumono un colore dorato, deporli su carta assorbente.

Preparare una salsa uguale a quella descritta nella prima versione e farla restringere bene sul fuoco.

Adagiarvi poi il baccalà fritto, non coprire, e cuocere per pochi minuti rigirando i pezzi nella salsa su tutti e due i lati.

Accompagnare con patate lesse.

Fonte: L’Arte della Cucina Secondo la Tradizione Napoletana, M. Penta de Peppo.