Atrani: visita guidata sulle orme di Masaniello. In serata il premio letterario Michele Buonocore

Si svela domani ad Atrani lo scrigno pudico e discreto di viuzze, vicoli e scale a gradoni. Come quelle che portano fin su a Santa Maria del Bando, la suggestiva chiesetta collocata a un passo dal cielo. Prendono il via domani 19 dicembre le visite guidate teatralizzate previste dal Festival Incantesimi (l’iniziativa sarà rinviata al giorno successivo in caso di condizioni meteo avverse), con partenza alle ore 10.00 da piazza Umberto I. La visita prevede un’escursione al panoramico santuario posto sulle pendici del monte Aureo con lo sfondo della leggendaria Grotta di Masaniello. Lungo il percorso verranno messi in scena alcuni momenti della vita del capopopolo napoletano.  Oltre a fornire ai partecipanti le informazioni sulle vicende storico-artistiche dell’area interessata dalla grotta e dal santuario anche in inglese, ci sarà anche un rinfresco a base di prodotti tipici. La partecipazione è rigorosamente gratuita (per info e contatti: Associazione Atrium 334189 1976, Associazione ArteAtrani 349755 6999). Nel pomeriggio, con inizio alle ore 17.00 l’atto conclusivo del  7° Concorso di Poesia “Michele Buonocore” in programma presso la Chiesa San Salvatore dè Birecto dove si svolgerà la cerimonia di premiazione dei vincitori. Giunto alla settima edizione, il Concorso, intitolato all’indimenticato vigile urbano di Atrani, Michele Buonocore, che la morte prematura ha strappato alla sua immensa passione per la “poesia”, è promosso dal Comune di Atrani, dall’Associazione artistico-culturale “ArteAtrani”, dal Centro Sociale comunale, dal Comitato “Gli Amici di Mikibu”.. La Commissione giudicante, composta dal professor Aniello Milo, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Statale “Gerardo Sasso” di Amalfi, da Alfonso Bottone, direttore organizzativo ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, dalla professoressa Teresa Vecchi, da Raffaella Martinelli e Daniela Castellano, ha nei giorni scorsi deciso di assegnare il 1° premio per la sezione “Poesia in lingua italiana” ad Annamaria Barone di Nettuno (Roma) per “Di certi giorni”, seguita in classifica da Maria Patrizia Gargano di Poggibonsi, in provincia di Siena, e Ivana Mocini di Aprilia in provincia di Latina. Podio tutto campano, invece, quello della sezione “Poesia in vernacolo”: sul gradino più alto l’atranese Orlando Buonocore con “ ‘A ricchezza ‘ro pescatore”, a seguire Carmine Cesarano di Nola e Natale Porriciello di Sant’Agata de’ Goti.