Atrani: alla Casa della Cultura omaggio a Bertolucci. Ecco tutti i film in programma

Foto anonimacinefili. it

A partire dal 14 febbraio la Casa della Cultura di Atrani ospiterà un cineforum dedicato a Bernardo Bertolucci, uno dei più grandi registi italiani scomparso a novembre del 2018.

Tra i registi italiani più rappresentativi e conosciuti a livello internazionale, Bertolucci ha diretto film di successo come Ultimo tango a Parigi, Novecento e L’ultimo imperatore, che gli valse l’Oscar al miglior regista e alla migliore sceneggiatura non originale. È l’unico italiano ad aver vinto un Oscar per la regia, considerando che Frank Capra, anch’egli assegnatario del riconoscimento, era italiano ma naturalizzato statunitense.

Il cineforum è sotto la direzione di Fulvio d’Aria e comprende 5 appuntamenti. Il primo è per giovedì 14 febbraio con “L’ultimo imperatore”. Il film parte nel 1950 in Manciuria, al confine tra Unione Sovietica e Cina. Un treno militare proveniente dalla Russia sovietica, e carico di prigionieri di guerra, fa il suo arrivo in un avamposto della Repubblica Popolare Cinese. Tra i prigionieri accusati di aver collaborato con l’invasore giapponese durante la guerra vi è anche Aisin-Gioro Pu Yi, l’ultimo e ormai ex imperatore cinese. La mente di Pu Yi inizia a rievocare la sua vita fin dal primo ricordo d’infanzia.

Domenica Live 17 Febbraio: scopri gli ospiti di Barbara D’Urso di oggi

Torna come di consueto il programma domenicale di Canale 5 ovvero Domenica Live che torna con un formato tutto nuovo a partire dalle 17.20. Domenica Live 17 Febbraio: scopri...

Giovedì 21 febbraio sarà invece proiettato “Il Picco Buddha” . Il film racconta del dotto e rispettato lama Norbu, anziano monaco buddhista tibetano scappato dal Tibet nel 1959 a seguito dell’occupazione politica e militare da parte dei cinesi. Qui viene informato che la probabile reincarnazione di lama Dorje, il suo insegnante morto da nove anni nonché noto educatore del Dalai Lama, è stata trovata in un bambino statunitense di Seattle. Con la benedizione dell’abate del suo monastero, dove un gruppo di monaci è intento a realizzare un maṇḍala di sabbia propiziatorio, e accompagnato dal suo brillante discepolo, Champa, lama Norbu parte subito per Seattle.

Giovedì 28 febbraio sarà invece proiettato “Novecento Atto primo”. Il film inizia nelle campagne parmensi dove i partigiani catturano gli ultimi fascisti; un ragazzo tiene sotto tiro il ricco proprietario terriero Alfredo Berlinghieri. Con un salto temporale, l’azione si sposta al passato, al momento della sua nascita.

Giovedì 7 marzo sarà invece proiettato “Novecento Atto Secondo”. Alfredo, troppo succube ai fascisti, viene lasciato dalla moglie; Olmo subisce la repressione politica fino alla Liberazione, quando guida i contadini contro il padrone, Alfredo. Si accentua, in questa seconda parte, la dicotomia fra le ambizioni storicistiche e i compromessi di spettacolarità, con un finale “sublimato” in una coreografia populista.

Infine giovedì 14 marzo sarà proiettato “Ultimo tango a Parigi”. Interamente ambientato in una cupa Parigi degli anni settanta il film vanta una trama particolare: un uomo di mezz’età, disilluso e lacerato interiormente, incontra una giovane donna in un appartamento vuoto, con la quale ha un improvviso rapporto amoroso. I due a quel punto decidono di dare il via a una relazione surreale fatta soltanto di rapporti intimi, ignorando tutto dell’altro partner compresi i nomi e i dati anagrafici, e trovando nel sesso l’unica risposta possibile anche se non definitiva al conformismo del mondo circostante.

Inoltre per gli alunni delle scuole superiori di Amalfi i primi 4 film valgono come credito scolastico. Ricordiamo che la sala è riscaldata.