Il 22 luglio Atrani onora Santa Maria Maddalena / Programma religioso

Foto di Michele Abbagnara

Come ogni 22 luglio Atrani è pronta a onorare la sua Patrona Santa Maria Maddalena. I festeggiamenti di una della ricorrenze religiose più suggestive della Costiera Amalfitana sono iniziati il 15 luglio quando, dall’alto del campanile, è stato innalzato il drappo raffigurante l’effige della Santa.

Previsto per questa sera, invece, l’alzata del quadro in Piazza Umberto I.

Ovviamente anche quest’anno sarà una festa diversa a quelle a cui siamo stati sempre abituati negli anni a causa dell’emergenza coronavirus.

Covid Campania: cresce la percentuale dei nuovi positivi. I dati di oggi 1° agosto

Puntuale come ogni giorno da mesi, l’Unità di Crisi della Regione Campania ha diramato il bollettino relativo ai nuovi contagi da Covid-19. Oggi si contano 377...

PROGRAMMA DEI FESTEGGIAMENTI:

Martedì 20 luglio

Ore 19.00: Incontro di studio “La facciata della Collegiata di Santa Maria Maddalena : genesi ed evoluzione”

21 Luglio – Vigilia della Festa:

Ore 10.30: Intronizzazione della Venerata Statua di Santa Maria Maddalena e Messa Solenne

Ore 17.30: Omaggio ai caduti – Monumento ai Caduti in Piazzale Europa

Ore 18.30: Coroncina a S. M :Maddalena

Ore 19.00: Vespri e Santa Messa

Mercoledì 22 luglio – Festa di Santa Maria Maddalena

Ore 7.00 – 8.00 – 9.15 – 10.30: Sante Messe in Collegiata

Ore 19.30: Sul Sagrato della Collegiata Messa solenne presieduta da Sua Eccellenza Monsignore Orazio Soricelli Arcivescovo di Amalfi – Cava de’ Tirrei. Breve momento di preghiera e di canto alla Santa Patrona affinché interceda presso Dio Padre, Amante della vita, che non vuole che sia compromessa la saluta dei suo figli.

La sacra effige della Santa Patrona resterà intronizzata sull’altare maggiore della Collegiata fino al 29 luglio.

Giovedì 29 luglio – Ottava della Festività di S.M.Maddalena

ore 19.00: Collegiata Santo Rosario e preghiera di lode alla Santa Patrona

Ore 19.30: Santa Messa

Si rende noto che la partecipazione alle funzioni liturgiche avverrà con accesso contingentato e regolamentato da collaboratori che vigileranno sull’uso obbligatorio dei dispositivi di sicurezza e sul numero massimo di persone consentite.