Approvato il nuovo Decreto Ristori: ecco quali bonus sono previsti e a chi spettano

Nella giornata di ieri il presidente Giuseppe Conte ha presentato in parlamento il Decreto Ristori che è stato poi approvato.

Si tratta di un importante ausilio per le categorie di lavoratori più in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria.

Secondo quanto riportato dal sito del Corriere, oltre a ristoranti, bar, palestre e piscine, saranno inserite nel Dl  anche gli attori, le biglietterie esterne e le società di noleggio per gli eventi: tutte attività che in teoria non vengono chiuse dall’ultimo dpcm ma che in ogni caso vengono colpite neanche troppo indirettamente.

Chi è Paola Caruso: età, figlio, mamma, carriera, papà, e vita privata

Paola Caruso è stata nell'ultimo anno al centro del gossip dal momento che il suo fidanzato l'ha lasciata quando ha scoperto di aspettare un...

Il Decreto Ristori dovrebbe valere circa 5 miliardi di euro. Nel provvedimento è prevista la cancellazione della seconda rata dell’Imu, in scadenza il 16 dicembre. Chi paga un affitto avrà invece un credito d’imposta, cioè uno sconto sulle tasse future, pari a tre mensilità.

Nel decreto legge ci saranno altre settimane di cassa integrazione utilizzabili dalle aziende in difficoltà. Dovrebbero essere sei, per un costo di 1,6 miliardi di euro. Ma potrebbero arrivare anche a dieci, e in questo caso il costo salirebbe a 2,6 miliardi.

Sono previsti, inoltre, contributi a fondo perduto già entro novembre, la cifra che coprirà le perdite con un tetto massimo di 150mila euro a impresa e che, come ha spiegato il ministro, finirà direttamente sui conti correnti dei richiedenti.