Amalfi, grave incidente: pedone stretto da bus nella ringhiera. Ricoverato con eliambulanza

Incidente stradale questa mattina intorno alle 10 ad Amalfi dove un bus turistico, per cause in via di accertamento, avrebbe stretto un pedone contro la ringhiera che costeggia la statale amalfitana procurandogli, a quanto pare, lesioni al bacino.

Immediatamente sul posto sono giunti i primi soccorritori che hanno prontamente dato l’allarme considerata la gravità dell’incidente. Il pedone, a quanto pare una persona di giovane età, pare abbia riportato anche ferite lacerocontuse.

Giunta sul posto l’ambulanza medicalizzata del 118 ha provveduto a soccorrere il ferito trasferendolo presso il presidio sanitario di Castiglione di Ravello da cui, dopo le prime cure, è stato disposto il trasferimento in codice rosso presso l’ospedale Ruggi di Salerno avvenuto con l’eliambulanza decollata dal porto di Maiori.

La leggenda di Montepertuso a Positano e l’origine del buco nella montagna

Il Montepertuso che domina Positano è una delle bellezze naturali più affascinanti e suggestive dell'intera Costiera Amalfitana. A rendere ancora più stimolante il viaggio...

Sul posto per gli accertamenti sono intervenuti gli agenti della polizia municipale di Amalfi che, stando a quanto si apprende, avrebbero sottoposto a fermo il veicolo.

Il grave incidente di questa mattina si è verificato nei pressi del punto in cui perse la vita nel maggio 2000, per una circostanza analoga, la sfortunata signora originaria di Atrani.

AGGIORNAMENTO – La persona rimasta ferita nell’incidente di questa mattina è un 16enne residente in Costiera Amalfitana. Lo sfortunato ragazzo è stato sottoposto a un lungo e delicato intervento chirurgico presso l’ospedale Ruggi di Salerno, dove intorno alle 11 era giunto in eliambulanza, necessario per ricomporre la frattura del bacino gravemente lesionata nell’incidente in cui è rimasto coinvolto. Dopo l’operazione, durata circa cinque ore, il ragazzo è stato trasferito presso il reparto di rianimazione. Le sue condizioni, secondo il bollettino medico, sono gravi ma stabili. L’incidente in cui è stato vittima il ragazzo ha messo in apprensione intere popolazioni della Costiera. In tanti hanno manifestato, prevalentemente sui social, la loro vicinanza ai familiari (ai tanti ci uniamo anche noi di AmalfiNotizie), persone molto note e per bene, augurando al ragazzo di riprendersi presto. In tanti hanno contestato anche il flusso ormai insostenibile del traffico veicolare in particolare dei bus turistici.

AGGIORNAMENTO – Intanto gli agenti della polizia municipale di Amalfi, coordinati dal capitano Agnese Martingano, hanno sottoposto a sequestro il pullman che al momento dell’incidente era vuoto, riferendo poi dell’accaduto al magistrato di turno. Il mezzo, di otto metri di lunghezza, si trova ora a disposizione dell’autorità giudiziaria presso la rimessa della società privata di trasporti a cui è stata affidata la custodia giudiziaria. L’autista, un 50enne originario del napoletano, è stato sottoposto come da prassi a tutte le procedure previste in casi di incidenti gravi come quello occorso ieri mattina alle porte di Amalfi. Compreso alcool test e drug test che hanno dato esito negativo. La dinamica dell’incidente di stamattina, che ha scosso la Costiera Amalfitana, sarebbe stata accertata anche attraverso le immagini di un impianto di videosorveglianza acquisite agli atti dagli agenti che hanno condotto i rilievi.

Serve Sangue  Restano gravi ma stazionarie le condizioni del ragazzo di 16 anni, residente in Costiera Amalfitana, schiacciato ieri da un bus turistico nella ringhiera che costeggia la statale 163 nei pressi della torre saracena di Amalfi. Lo riferiscono i parenti attraverso facebook informando quanti, tra amici e conoscenti, hanno manifestato in questi momenti di apprensione la loro vicinanza. Ed è proprio alle popolazioni della Costiera che stamattina si sono rivolti i familiari per chiedere la disponibilità a donare sangue. Con un messaggio su facebook la zia ha invitato quanti, tra donatori abituali e non, a recarsi presso il centro trasfusionale dell’ospedale Ruggi di Salerno dove sottoporsi al prelievo ematico.