Amalfi, commissariato il comune. Il prefetto nomina Giuseppe Castaldo

Dopo 23 anni torna un commissario prefettizio al comune di Amalfi. Lo ha nominato il prefetto di Salerno in seguito alle dimissioni di otto consiglieri, tra cui i quattro dissidenti, che hanno determinato la fine anticipata del mandato elettorale. In attesa del decreto di scioglimento da parte del Presidente della Repubblica, a reggere le sorti dell’ente sarà il viceprefetto Giuseppe Castaldo in servizio presso il Ministero dell’Interno. L’epilogo della crisi politica amalfitana si è avuto in mattinata quando a vario titolo e con motivazioni diverse, gli otto consiglieri, quattro dell’opposizione (Antonio De Luca, Giovanni Torre, Antonietta Amatruda e Andrea Amendola) e i quattro fuoriusciti dalla maggioranza (Matteo Bottone, Francesco De Riso, Daniele Milano e Gennaro Pisacane) hanno deciso di rimettere il mandato anticipando i tempi, rispetto a un ipotetico confronto in consiglio comunale, e dettando i titoli di coda di questa parentesi politica. E così, non essendoci più i numeri per tenere in vita l’assise cittadina, il prefetto nel tardo pomeriggio non ha potuto far a che prendere atto della situazione e commissariare il comune di Amalfi. Da ieri, dunque, Alfonso Del Pizzo, medico di base eletto nel maggio del 2011 con circa il 70% dei voti, non è più il sindaco della città dove l’ultimo commissario prefettizio fu nominato nel dicembre del 1991. In quell’occasione si ruppe la maggioranza Psi-Pci-Pri che sosteneva l’allora sindaco Giuseppe Camera. Del Pizzo che nei giorni scorsi si era detto deluso per l’improvviso dietrofront di alcuni uomini della sua maggioranza pare stesse tentando la carta delle larghe intese con le due anime dell’opposizione. Ipotesi bocciata sul nascere con le dimissioni in blocco degli otto consiglieri. E così, il prefetto di Salerno, Gerarda Maria Pantalone, a seguito delle dimissioni rassegnate dalla maggioranza dei consiglieri, ha disposto la sospensione del consiglio comunale di Amalfi procedendo contestualmente alla nomina del commissario prefettizio per la provvisoria amministrazione del comune. Giuseppe Castaldo, 53 anni, napoletano, ha un lungo curriculum quale funzionario sia presso gli uffici di governo che presso quelli di pubblica sicurezza. Tra le attività espletate nel corso della carriera la partecipazione alla Commissione straordinaria istituita per la gestione del Comune di Lusciano (Caserta), la designazione a Sub – Commissario per la provvisoria amministrazione del Comune di Parma. E’ stato Presidente della Commissione straordinaria istituita per la gestione del Comune di Condofuri (RC) e nel 2012 è stato componente della Commissione straordinaria per la gestione del Comune di Reggio Calabria.