Amalfi «canta il Natale» e premia Maddalena Cavaliere. E’ tra i «Costruttori di dialogo»

foto Trofimena Cavaliere

Ha preso il via ieri sera ad Amalfi la XXVI edizione di “Amalfi Canta il Natale”, l’evento musicale organizzato dalla Diocesi in collaborazione con il Comune di Amalfi e il Consorzio Amalfi di Qualità e, nel corso del quale, vengono assegnati i Premi “Siate Costruttori di dialogo: Amalfi ed il Suo Apostolo, Ponte tra Oriente e Occidente”.

Il riconoscimento, collegato alla manifestazione canora, per questa quarta edizione è stato assegnato a sorpresa alla Signora Maddalena Cavaliere, «donna esemplare e testimone autentico della dedizione al servizio degli altri».

Un riconoscimento dovuto all’opera che Maddalena ha svolto in questi anni nei diversi settori della vita parrocchiale: dall’Azione Cattolica al Centro di Solidarietà Monsignor Marini.

Juventus Milan Probabili Formazioni: dove vedere la finale di Supercoppa Italiana

Si giocherà a Gedda oggi alle 18.30 la finale di Supercoppa Italiana tra Juventus e Milan. Juventus Milan Probabili Formazioni: dove vedere la finale di Supercoppa Italiana I favori del...

Già, perché Maddalena «ha contribuito alla crescita morale dei tanti giovani che si sono avvicinati alle attività del Centro nel solco dell’indimenticato presule che dal 1915 al 1945 fu pastore dell’Arcidiocesi di Amalfi e nel cui tessuto cittadino e sociale sono ancora forti le tracce della sua straordinaria opera episcopale assai legata alla solidarietà e all’attenzione per i più deboli».

foto Trofimena Cavaliere

All’amata Maddalena Cavaliere, punto di riferimento di tante generazioni, capace di incarnare «i valori della dedizione, dell’impegno, della solidarietà, propri degli uomini di buona volontà», è andato così il premio “Siate Costruttori di dialogo: Amalfi ed il Suo Apostolo, Ponte tra Oriente e Occidente” consegnatole non senza punte di emozione ieri sera nella Cattedrale di Amalfi.

E tra gli interventi, a nome dei tanti giovani cresciuti accanto al carisma di Maddalena, anche quello di Trofimena Cavaliere che ha solcano sulle ali del tempo il mare magnum di ricordi tra imegni parrocchiali, campeggi e dedizione a quell’opera di aggregazione che è stato sempre il punto di forza della collettività amalfitana.

Stasera, sempre nel duomo di Amalfi, è in programma l’ultimo appuntamento con Amalfi canta il Natale, nel corso del quale sarà assegnato un altro riconoscimento per l’opera meritoria di costruzione del dialogo.

A riceverlo sarà il questore Annino Gargano, Dirigente dell’Ufficio Centrale Ispettivo della Polizia di Stato, amalfitano, con la seguente motivazione: «Animato da spirito di servizio, con passione ed impegno profuso nella società civile e nella comunità cattolica amalfitana, è certamente esempio di integrità morale e modello di riferimento per i giovani. Il neo questore dott. Annino Gargano per l’altissimo senso del dovere, lo spirito di sacrificio, il valore della famiglia e delle proprie origini, miste ad un’innata sensibilità umana, rappresenta un esemplare testimone di quei valori propri dei costruttori di pace e di dialogo».

Il premio al dott. Gargano sarà consegnato dall’Arcivescovo durante la serata del 28 dicembre in Cattedrale.

L’intento del premio è di dar merito a uomini e donne di buona volontà del territorio costiero o che con esso hanno stretto ed intessuto rapporti, i quali si prodigano nel costruire il dialogo e promuovere la fratellanza e la pace, in cui “Oriente e Occidente”, non rappresentano solo un ambito geografico, ma un “simbolico ponte” che talvolta unisce ciò che altrimenti sarebbe inevitabilmente diviso.

Anche la serata conclusiva verrà trasmessa in diretta streaming dal Centro Televisivo Cattedrale di Amalfi sulla piattaforma YouTube.