Amalfi: la guardia medica resterà a Castiglione per un altro mese. L’Asl dispone lavori a via Casamare

Si è svolto stamane ad Amalfi il sopralluogo congiunto tra il sindaco Daniele Milano e il direttore del Distretto 63 dell’Asl, Pio Vecchione, in relazione alla allocazione in nuova sede del presidio di guardia medica per il quale nei giorni scorsi si sono alternate polemiche e smentite. In una nota diffusa poco fa il direttore Pio Vecchione, a seguito della chiusura dell’immobile Asl in via Casamare ad Amalfi, comunica che «nessuno dei locali visionati questa mattina risulta essere immediatamente idoneo per lo svolgimento dell’attività di continuità assistenziale». Pertanto non essendo stata individuata una soluzione alternativa il servizio di Guardia Medica resterà in via provvisoria presso Castiglione di Ravello. Almeno fin quando non saranno «predisporre interventi immediati di manutenzione dell’immobile di Casamare almeno per riportare presso la Struttura il Servizio di C.A. in un tempo di 30-40 giorni». «Su invito del sindaco Daniele Milano questa mattina sono recato ad Amalfi, per un sopralluogo all’interno di vari locali allocati nel centro cittadino che l’amministrazione comunale intendeva mettere a disposizione per il ripristino immediato del servizio di Guardia Medica – scrive Vecchione – Visionati i locali, ho constatato che nessuno di essi è immediatamente idoneo per lo svolgimento dell’attività di continuità assistenziale. Pertanto, non avendo soluzioni immediate e lasciando provvisoriamente il servizio di Guardia Medica presso Castiglione di Ravelloconclude il direttore del distretto 63 – si invita il Direttore della Struttura Patrimonio e Manutenzione dell’ASL, che legge per conoscenza, a predisporre interventi immediati di manutenzione dell’immobile di Casamare almeno per riportare presso la Struttura il Servizio di C.A. in un tempo di 30-40 giorni».