Amalfi, arriva De Luca: lavoratori stagionali in protesta / Foto e Video

I lavoratori stagionali della Costiera Amalfitana si sono riuniti questa mattina ad Amalfi in occasione della riapertura della strada statale 163 ad Amalfi, per parlare con il Presidente De Luca della difficile situazione che sta attraversando il settore turistico.

La crisi pandemica ha infatti messo in ginocchio l’economia internazionale e forti sono state le ripercussioni negative ai danni delle centinaia di famiglie che vivono di turismo. Anche la Costiera Amalfitana, da sempre con le sue bellezze e tra le mete più ambite, ha subito questa forzata battuta d’arresto che ha costretto gli operatori del settore turistico a dover sperare in bonus, ristori, sussidi o, nei casi di maggiore criticità, a dover richiedere pacchi contenenti generi alimentari per poter provvedere al sostentamento della propria famiglia.

E così questa mattina, prima dell’inaugurazione della strada, una delegazione dei lavori turistici ha avuto la possibilità di interloquire con De Luca che, dopo aver ascoltato le loro richieste ha preso la parola.

Sarno, ventitrè anni fa la frana che uccise 137 persone. Era il 5 maggio...

Furono 183 le case di Sarno distrutte e danneggiate. Quando la frana cominciò a invadere viale Margherita e poi via Pedagnali e via Casale...

«La Regione sta combattendo fino all’ultimo sangue per il comparto turistico ma le decisioni spettano allo Stato» – questa l’unica dichiarazione di De Luca.

«La nostra angoscia è quotidiana – affermano i lavoratori – bisogna togliere le restrizioni tra cui assolutamente il coprifuoco. Quale turista raggiunge la Costa d’Amalfi sapendo che alle 22.00 o alle 23.00 deve tornare in albergo? E’ una vergona! Qui ci sono famiglie intere che vivono di turismo, non ci dovete lasciare soli, ci dovete ascoltare!».