Nomine Polizia di Stato: l’amalfitano Annino Gargano promosso Questore

Meritatissima promozione per l’amalfitano Annino Gargano, attuale capo della squadra mobile di Bari, che con decorrenza 1° gennaio 2018 è stato nominato questore. Il suo nome figura insieme a quelli di altri 31 dirigenti della Polizia di Stato nell’elenco dei promossi al ruolo di dirigente superiore.

La nomina di Gargano è avvenuta al termine di un atteso consiglio di amministrazione svoltosi ieri, 5 aprile, presso il Ministero dell’Interno durante il quale è stato esaminato un lungo elenco di candidati all’avanzamento, con decorrenza 1° gennaio 2018, alle qualifiche di dirigente superiore (32 i posti disponibili)  e di primo dirigente (72 posti in tutto).

Il prossimo 10 aprile, in occasione della Festa annuale dell’Istituzione, il dottor Annino Gargano, potranno sfoggiare sulla divisa la nuova, meritate insegna di grado essendo rientrato nel ristretto gruppo dei dirigenti della polizia di stato promossi ieri questori.

Cava de’ Tirreni: uomo sorpreso a compiere atti osceni in auto. La denuncia sui...

Brutta esperienza ieri mattina per una donna di Cava de' Tirreni che ha sorpreso un uomo di circa 50 anni, in atteggiamenti equivoci all'interno...

Cinquantatre anni, coniugato e padre di una figlia, originario di Amalfi, il neo questore Annino Gargano era dal 9 gennaio 2017 dirigente della Squadra mobile della Questura di Bari, ruolo che attualmente ricopre con brillanti risultati soprattutto nella lotta alla criminalità organizzata.

In servizio dal 1990, Gargano ha frequentato il corso quadriennale di formazione per commissari all’Istituto superiore di Polizia di Roma, nonché il corso di perfezionamento in lingua francese all’Istituto nazionale della Formazione della Polizia nazionale francese di Clermont – Ferrand.

Dopo aver ricoperto l’incarico di Vice Dirigente della Squadra Mobile e di Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Parma, Gargano ha diretto la Squadra anticrimine del commissariato di Viareggio – Versilia (Lucca) e la Squadra mobile di Lucca.

E’ tornato in Puglia lo scorso anno dopo l’esperienza alla direzione della Squadra mobile e della Divisione Immigrazione della Questura di Lecce. L’ultimo incarico, prima di arrivare a Bari a gennaio dello scorso anno, è stato quello di dirigente della Squadra mobile di Genova.

Nel corso della carriera, ha conseguito numerosi encomi ed attestati di lode in relazione ai risultati ottenuti nel contrasto alla criminalità diffusa ed organizzata, anche di stampo mafioso. Annino Gargano è stato docente di tecniche investigative, oltre che di nozioni di diritto e procedura penale, presso le Scuole Allievi Agenti della Polizia di Stato di Brescia, Reggio Emilia e Piacenza ed è docente presso la Scuola Internazionale di Alta Formazione del Dipartimento della Pubblica Sicurezza per la prevenzione ed il contrasto al crimine organizzato di Caserta.

Presso la Scuola Superiore di Polizia di Roma è docente di tecniche d’indagine sulle principali tipologie criminali ai frequentatori dei corsi per Commissari della Polizia di Stato.

Ha svolto incarichi di docenza di teoria e tecniche investigative in master universitari di secondo livello, in “Scienze di Polizia”, presso le Università degli Studi di Lecce e Genova; è stato relatore in convegni ed ha partecipato a work shop, in Italia e all’estero, in relazione alla tratta di esseri umani, al crimine organizzato ed alla violenza di genere.

Gargano è il secondo questore amalfitano dopo Maria Rosaria Maiorino (prima donna in Italia a dirigere una questura) che dal 2015 dopo l’importante incarico a Palermo ha assunto la guida dell’Ispettorato di pubblica sicurezza del Vaticano.

Al dottor Annino Gargano giungano gli auguri più sinceri per la promozione che di qui a qualche mese comporterà l’assegnazione di un altro importante incarico alla guida di una questura italiana.