Alla pasticceria Pansa il World Pastry Star. Premio dedicato anche ad Amalfi / Foto

La Pasticceria Pansa di Amalfi è entrata di diritto nell’Olimpo della pasticceria con il riconoscimento della stella del World Pastry Star.

I fratelli Pansa, Andrea e Nicola, hanno ricevuto l’ambito riconoscimento questa mattina al Milan Marriott Hotel, location della VI edizione del World Pastry Stars. Al convegno internazionale della pasticceria, organizzata da Italian Gourmet, con il patrocinio e la collaborazione dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani (AMPI) e di Relais Dessert Andrea la storica pasticceria di Amalfi ha dunque ricevuto l’ambito premio.

La stella è stata assegnata ad Andrea e Nicola al termine del loro intervento “Rinnovare la tradizione. Un storia lunga cinque generazioni: evoluzioni, trasformazioni e cambiamenti, senza mai perdere il profondo legame con il territorio” durante il quale hanno raccontato l’iter storico della loro attività.

Positano piange Zeffirelli. Le Tre Ville “luogo benedetto”. «Qui le energie ti circondano»

E' un giorno triste non solo per il mondo della cultura e del cinema. E' un giorno triste anche per Positano che Franco Zeffirelli,...

Il premio di Pansa è stato ritirato alla presenza di Iginio Massari, Sadaharu Aoki, Stéphanie Aubriot, Olivier Bajard, Gino Fabbri, Pierre Hermé, Gabriel Paillasson, Alfonso Pepe, Giancarlo Perbellini e Enric Rovira.

E così dopo Sal De Riso, insignito nel 2016 con la stella del WPS, anche la Storica Pasticceria Pansa di Amalfi ha ricevuto il prestigioso riconoscimento per la passione e l’impegno con cui, da cinque generazioni, tramanda i sapori e i saperi di una tradizione dolciaria, quella amalfitana appunto, che in termini di estro, creatività, profumi ed espressività non è seconda a nessuno.

“Al convegno internazionale della pasticceria si premiano 190 anni di storia e tradizione – hanno scritto in un posto su Facebook Andrea e Nicola-. Un riconoscimento che condividiamo con tutti i nostri collaboratori e che desideriamo dedicare alla memoria di nostro padre Gabriele che con nostra madre Carla ha segnato la strada che noi con passione abbiamo continuato a perseguire. Un premio che dedichiamo anche alla città di Amalfi e a tutte le persone che ci stimano e vogliono bene”.