Alla pasticceria Pansa il World Pastry Star. Premio dedicato anche ad Amalfi / Foto

La Pasticceria Pansa di Amalfi è entrata di diritto nell’Olimpo della pasticceria con il riconoscimento della stella del World Pastry Star.

I fratelli Pansa, Andrea e Nicola, hanno ricevuto l’ambito riconoscimento questa mattina al Milan Marriott Hotel, location della VI edizione del World Pastry Stars. Al convegno internazionale della pasticceria, organizzata da Italian Gourmet, con il patrocinio e la collaborazione dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani (AMPI) e di Relais Dessert Andrea la storica pasticceria di Amalfi ha dunque ricevuto l’ambito premio.

La stella è stata assegnata ad Andrea e Nicola al termine del loro intervento “Rinnovare la tradizione. Un storia lunga cinque generazioni: evoluzioni, trasformazioni e cambiamenti, senza mai perdere il profondo legame con il territorio” durante il quale hanno raccontato l’iter storico della loro attività.

Maiori: si rifiuta di fare l’alcool test e tenta di danneggiare la gazzella dei...

Non si ferma all'alt dei Carabineiri e una volta inseguito non solo si rifiuta di sottoporsi all'alcool test ma tenta di danneggiare la gazzella...

Il premio di Pansa è stato ritirato alla presenza di Iginio Massari, Sadaharu Aoki, Stéphanie Aubriot, Olivier Bajard, Gino Fabbri, Pierre Hermé, Gabriel Paillasson, Alfonso Pepe, Giancarlo Perbellini e Enric Rovira.

E così dopo Sal De Riso, insignito nel 2016 con la stella del WPS, anche la Storica Pasticceria Pansa di Amalfi ha ricevuto il prestigioso riconoscimento per la passione e l’impegno con cui, da cinque generazioni, tramanda i sapori e i saperi di una tradizione dolciaria, quella amalfitana appunto, che in termini di estro, creatività, profumi ed espressività non è seconda a nessuno.

“Al convegno internazionale della pasticceria si premiano 190 anni di storia e tradizione – hanno scritto in un posto su Facebook Andrea e Nicola-. Un riconoscimento che condividiamo con tutti i nostri collaboratori e che desideriamo dedicare alla memoria di nostro padre Gabriele che con nostra madre Carla ha segnato la strada che noi con passione abbiamo continuato a perseguire. Un premio che dedichiamo anche alla città di Amalfi e a tutte le persone che ci stimano e vogliono bene”.