Alberto di Monaco torna a Campagna. Cresce l’attesa per la visita del principe

Il 16 maggio il comune salernitano di Campagna si prepara a ricevere un ospite di tutto rispetto: il principe Alberto di Monaco.

Dopo undici anni il reale tornerà a Campagna per una visita di Stato: il principe aveva infatti già fatto visita al comune per la prima volta nel 1997. L’incontro è stato fissato non con poche difficoltà: si è giunti all’intesa dopo circa un anno e mezzo di contatti.

L’annuncio della visita ufficiale è stato dato dal Comune di Campagna in una nota ufficiale del sindaco Roberto Monaco: “Il primo cittadino e le più alte cariche istituzionali, locali e territoriali, accoglieranno il Principe il 16 maggio alle ore 15. Alberto II di Monaco si recherà per la seconda volta nella città di Campagna, per la prima volta da Principe Sovrano”.

Tortino di Fiori di Zucca Ripieni: la Gustosissima Ricetta de La Prova del Cuoco

Nella puntata dello scorso 8 maggio del programma Rai “La prova del cuoco” lo chef  Andrea Mainardi, ha proposto la ricetta di un altro...

Il figlio di Ranieri e dell’indimenticabile diva Grace Kelly, accompagnato dal sindaco Monaco, visiterà le testimonianze storiche e architettoniche relative al periodo di amministrazione feudale di Campagna sottoposta ai Grimaldi di Monaco.

La visita riguarderà il convento di San Bartolomeo, sede del Museo della memoria e della pace, per poi giungere nel centro storico. Un periodo (1532-1641, 1660-1673), in cui la città è stata la capitale feudale nel Regno di Napoli (che comprendeva feudi in Campania, Puglia e in Basilicata ), che è ricordato come il Secolo d’Oro.

La visita sarà importante per la città non solo per il “ritorno” di un Grimaldi, ma anche perché quest’ultimo visiterà quanto resta oggi delle opere e dei monumenti risalenti proprio al periodo in cui gli antenati di Alberto erano marchesi di quel territorio. Era il 1518, infatti, quando fu firmata la bolla papale che dette il titolo di città a Campagna e 14 anni dopo la città divenne un feudo dei Grimaldi.